menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"la Suocera Buonanima" Stasera al Teatro dei Fabbri

Prosegue a pieno ritmo la nuova Stagione della Contrada al Teatro dei Fabbri, che oggi, martedì 6 marzo alle 21.00 vedrà il debutto di una nuova commedia: “La suocera buonanima”, libero adattamento di Giorgio Amodeo da “La buonanima della suocera”...

Prosegue a pieno ritmo la nuova Stagione della Contrada al Teatro dei Fabbri, che oggi, martedì 6 marzo alle 21.00 vedrà il debutto di una nuova commedia: "La suocera buonanima", libero adattamento di Giorgio Amodeo da "La buonanima della suocera" di Georges Feydeau, interpretato dai giovani attori della compagnia Teatrobàndus.
Nel testo originale di Feydeau (scritto nel 1908), i protagonisti erano due coniugi alle prese con l'ennesima lite, interrotta dall'improvviso annuncio della morte della madre di lei. Da qui partiva una girandola di situazioni paradossali e divertenti con un finale tanto esplosivo quanto imprevedibile. Nel rielaborare il testo originale di Feydeau, Amodeo - che cura anche la regia dello spettacolo - parte dall'osservazione di come le relazioni di coppia abbiano subito negli ultimi cinquant'anni un profondo mutamento: fino a mezzo secolo fa, infatti, le convenzioni della società obbligavano le persone a un perbenismo di facciata, dietro al quale si nascondevano numerosi vizi maschili tanto conosciuti e praticati quanto nascosti e negati.

"La suocera buonanima" diventa così un brillante atto unico ambientato nel 1958, l'anno in cui in Italia si poneva fine alla prostituzione di Stato con la chiusura delle case di tolleranza. In questa commedia spigliata e divertente, i personaggi si trovano alle prese con l'inquietante fantasma di un'anziana madre e della sua presunta dipartita. Nella storia però a morire, alla fine, più che una suocera petulante, sarà un'epoca di profonde ingiustizie sociali.

Mantenendo intatto il ritmo frenetico tipico delle commedie di Feydeau, gli attori del Teatrobàndus rispettano un meccanismo estremamente efficace, in cui i ritmi dell'azione scenica esaltano il divertissement della trama e allo stesso tempo lanciano una severa critica alla superficialità della classe borghese, la miseria del matrimonio, l'irriverenza dei domestici, la sbadataggine dei mariti e la collerica impulsività delle mogli.

I quattro attori del Teatrobàndus impegnati nell'allestimento della "Suocera buonanima" sono Isaura Argese, Riccardo Beltrame, Maria Giustina Testa e Julian Sgherla.

L'Associazione culturale Teatrobàndus è stata fondata nel 2006 da alcuni giovani attori diplomati all'Accademia Teatrale "Città di Trieste", la scuola di teatro della Contrada: Maria Giustina Testa, Isaura Argese, Julian Sgherla e Andrea Germani, a cui si è aggiunto in seguito Riccardo Beltrame.

In questi primi sei anni di attività il Teatrobàndus ha prodotto 7 spettacoli per adulti e 4 spettacoli per ragazzi: tra questi "Trivellino e il mignolo del destino" (2007) ispirato alla Commedia dell'Arte, lo spettacolo itinerante "Asylanten" realizzato per la Giornata Mondiale del Rifugiato, "Se no i xe mati, no li volemo" da Gino Rocca, "Metti una sera che spettacolo" con la collaborazione di Flavio Furian e Maxino, "Puskin e Mozart, artisti della libertà" con testi tratti da Puskin. Fra i registi che hanno collaborato maggiormente ai diversi progetti dell'Associazione figurano Giorgio Amodeo e Sabrina Morena, mentre tra i collaboratori più stretti troviamo il cabarettista Flavio Furian, i musicisti Enrico Cortellino (Cortex) e Maxino e la ballerina Ambra Maria Mezzalira. Dal 2005 al 2007 sono stati soci del Teatrobàndus anche gli attori Gianmaria Martini, Xenia Bevitori e Vesna Hrovatin.

In questi anni l'Associazione ha presentato i suoi lavori al Teatro Verdi di Muggia, al Teatro Bobbio di Trieste, al Civico Museo Teatrale "C. Schmidl" ed è stata ospite nelle stagioni della Barcaccia, nella rassegna "Le Vie del Caffè", nelle stagioni di Teatro Ragazzi della Contrada e nelle rassegne invernali ed estive della Casa dei Teatri della Provincia di Trieste presso il Teatro Basaglia nel Parco di San Giovanni.

Dal 2007 Teatrobàndus ha iniziato un percorso attivo e di sperimentazione sul piano della formazione teatrale per ragazzi e adulti e collabora con il Comune di Trieste per la realizzazione di laboratori teatrali dedicati alle Scuole dell'Infanzia. Pluriennale è anche la collaborazione con l'Istituto Comprensivo S. Giovanni per la realizzazione di laboratori per la scuola primaria e la realizzazione della Rassegna Scolastica Teatrale Provinciale "Teatrando: dal rione alla città", ideata, realizzata e diretta da Julian Sgherla.

"La suocera buonanima", ottavo spettacolo della rassegna "La Contrada ai Fabbri", debutta al Teatro dei Fabbri (Via dei Fabbri 2, Trieste) martedì 6 marzo e rimane in scena fino a domenica 11, con i consueti orari del teatro: serali dal martedì al sabato ore 21.00; domenica ore 16.30.

Ingresso intero: 15 euro; ridotti (over 60 e abbonati della Contrada) 12 euro; ridotto giovani (fino ai 26 anni) 10 euro.

Informazioni e prevendita dei biglietti presso la biglietteria del Teatro Bobbio (tel. 040.390613/948471 - orari: 8.30-13.00; 15.30-18.30) o al TicketPoint di Corso Italia 6/C (tel. 040.3498276/3498277 - orari: 8.30-12.30; 15.30-19.00).
Informazioni: 040.390613; contrada@contrada.it; www.contrada.it


Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    La zona gialla torna dal 26 aprile: ristoranti aperti anche la sera

  • Cronaca

    Operatori sanitari in piazza contro l'obbligo vaccinale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento