Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport

"Lontan de ti..." Marino Sterle Espone all'Hotel Continentale

E' stata inaugurata ieri la Mostra fotografica “Lontan de ti...Svevo nostalgico ritorna a Trieste”, che rimarrà aperta dall’8 marzo all’8 maggio 2012 presso l'Hotel Continentale di Via San Nicolò, 25 a Trieste con ingresso libero e che...

E' stata inaugurata ieri la Mostra fotografica "Lontan de ti...Svevo nostalgico ritorna a Trieste", che rimarrà aperta dall'8 marzo all'8 maggio 2012 presso l'Hotel Continentale di Via San Nicolò, 25 a Trieste con ingresso libero e che successivamente diverrà itinerante.

Italo Svevo, catturato da un momento nostalgico nei confronti della sua città, ritorna a Trieste e va a visitare tutti i suoi luoghi del cuore.

Una visita che è emozione allo stato puro riprodotta dagli scatti inconfondibili di Marino Sterle.

La mostra inaugurata ieri, 7 marzo, rappresenta il primo evento locale del 2012 del progetto realizzato in occasione del 150° anniversario della nascita di Ettore Schmitz.

Altre notizie sul sito: www.italosvevointrigoemozionale.it

Marino Sterle

Nasce a Trieste l'8 marzo 1966. Inizia a fotografare nel 1990 per i settimanali Trieste Sport e Il Meridiano. Nel 1992 comincia la collaborazione con il quotidiano Il Piccolo in qualità di fotografo che prosegue tuttora. Foto da lui realizzate sono state pubblicate sulle riviste Life, Panorama, l'Espresso, Epoca e sui quotidiani Corriere della sera, la Repubblica e il Giornale.

Nei primi anni '90 realizza reportage in Bosnia, Serbia e Kosovo per documentare le conseguenze della guerra nei Balcani.

Dal '94 documenta la valorizzazione del territorio giuliano ad opera dell'agenzia marittima Samer&Co Shipping mediante opere di rispetto ambientale e costante incremento dell'apparato economico produttivo.

Insieme ad Antonella Caroli pubblica i libri "Trieste che scompare" (Tergeste, Trieste 1994), "Arte e tecnica a Trieste k. k. staats, gewerte schule" (edizioni della Laguna, Gorizia 1995), "Punto franco vecchio" (la Mongolfiera, Trieste 1996). Sue anche le foto del libro "Magia bianca e nera a Trieste e in Friuli Venezia Giulia" di Silvio Maranzana, e altre sue fotografie sono contenute nel volume "5404_dodici fotoreporter a trieste (2004).

Presenta opere fotografiche in diverse mostre: "Trieste che scompare" (museo Revoltella di Trieste 1994; Zagabria 1997; Ragusa 1997), "Magia bianca e nera" (Castello di San Giusto di Trieste, 1995), "Quattro anni di cronaca" (palazzo delle Poste di Trieste, 1996), "La cronaca e il colore" (galleria Tergesteo di Trieste, assieme all'artista Paolo Cervi Kervischer, 1998). nel 1997 partecipa, unico fotografo tra nove pittori triestini, all'esposizione collettiva di Judenburg (Austria).
Nel 1999 fonda la galleria d'arte e fotografia "Show-room 3c" per gli artisti Ugo Carrà, Marino Cassetti e Fabio Cescutti.

Il suo ritratto è stato scelto da Enzo Biagi per la copertina del libro "Sogni perduti" (Rizzoli, Milano, 1997) e il volume "I libri della memoria" (collana firme oro 2006, Rcs editori). Sua anche l'immagine di copertina del romanzo di Fulvio Tomizza "L'abete roys" (Bompiani, Milano, 1994), di "Dove abita sua eccellenza" (grafiche Vianello, maggio 2006), e del romanzo di Veit Heinechen "Totentanz" (editore Roman Zsolnay, 2006).

Nel 2004 le sue immagini realizzate in occasione del cinquantenario del ricongiungimento di Trieste all'Italia vengono scelte dalla F.lli Alinari e consegnate a tutte le autorità partecipanti alle celebrazioni ufficiali tra cui il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Ulteriori foto da lui realizzate sono conservate nel museo di Storia della fotografia italiana F.lli Alinari di Firenze.

Assieme a Gabriele Crozzoli realizza le foto dell'Annual Report 2005 di Area Science Park di Trieste.
Nel 2006 inizia la collaborazione per le campagne pubblicitarie in Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Germania delle case automobilistiche Audi, Porsche, Seat, Skoda e Wolkswagen. Nello stesso anno fotografa le realizzazioni dell'impresa Settimo Costruzioni di Trieste.
Nel 2007 viene incaricato dalle Assicurazioni Generali di fotografare gli avvenimenti celebrativi in occasione del 175° anniversario di fondazione della compagnia assicurativa.

Durante il 2008 collabora al progetto multimediale "Portale del Carso" su incarico della Fondazione CRTrieste. Nello stesso anno riceve da Illycaffè l'incarico di documentare le cerimonie ufficiali in occasione del 75° anniversario di fondazione dell'industria triestina, e realizza per il gruppo l'Espresso le fotografie pubblicate sui volumi "Itinerari carsici" e "Itinerari transfrontalieri", con testi di Riccardo Coretti.
Sempre nel 2008 realizza un ampio reportage fotografico su Trieste pubblicato dal mensile Tuttoturismo, e lo svizzero Cooperazione gli commissiona un ampio servizio fotografico sulla città, inserito nel contesto dell'enogastronomia italiana.
Nello stesso anno l'Ater della provincia di Trieste gli affida l'incarico della documentazione delle celebrazioni per il centenario dell'Istituto di abitazioni popolari e la valorizzazione del patrimonio immobiliare.

Realizza il calendario 2009 edito dal quotidiano Il Piccolo e riceve dalla direttrice del museo di storia della fotografia italiana F.lli Alinari di Firenze Gabriella De Polo l'incarico di realizzare la documentazione fotografica del progetto "1+2=alef", con successiva mostra itinerante che inizia al museo ebraico "Carlo e Vera Wagner" di Trieste e si conclude nel capoluogo toscano.

Assieme allo studio Mark di Trieste, realizza un'immagine pubblicitaria per sensibilizzare la cittadinanza sulla donazione del 5 per mille a favore dell'ospedale pediatrico triestino "Burlo Garofalo".

Sempre nel 2009 la Star Hotels acquista ed espone in maniera permanente al hotel Savoia Excelsior 392 scatti della città di Trieste. Sucessivamente inizia una collaborazione con il Trieste Terminal Passeggieri, con la Gas Natural Rigassificazione per documentare i Grandi Eventi da loro sponsorizzati. Collabora per la CARI FVG.

Lavora con la Trieste Trasporti ed in collaborazione Trieste Trasporti ed il quotidiano Il Piccolo realizza 3 edizioni di calendari rivolti a promuovere i servizi della Trieste Trasporti ed il territorio di Trieste e della sua Provincia. Nel 2010 la Casa Editrice Gallimard/Livres d'art di Parigi acquista una sua fotografia per la copertina di un libro autobiografico su Leo Castelli. L'opera è la prima di una collana sugli impressionisti francesi e con questa immagine la stampa Nazionale francese promuove la collana stessa.

Cosa analoga è stata fatta dalla casa editrice Alfred A. Knopf di New York. Collabora come fotografo di scena per il Teatro La Contrada, con il Cbm centro di medicina biomolecolare e con l'Area Science Park di Trieste. Lavora anche per l'ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili della Provincia di Trieste e con Confindustria della Provincia di Trieste. Altri lavori lo vedono impegnato per promuovere l'attività dell' Azienda IRISACQUA di Gorizia, Wartsila Fincantieri, Costa Crociere.

Con Il Piccolo di Trieste partecipa assieme ad altri fotografi all'insegnamento nelle scuole di fotogiornalismo riguardante il Progetto Giornalista in classe. Nel 2011 partecipa come espositore alla Biennale Diffusa di Trieste P.F.V Mag 26.

La fotografia dal titolo Anni è stata acquistata all'Asta di fine Evento. Nell'estate stessa fa parte di un gruppo di fotografi per documentare i Lignano International Master Games su incarico della Regione Friuli Venezia Giulia.

Giornalista Pubblicista dal 2000 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti.



In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lontan de ti..." Marino Sterle Espone all'Hotel Continentale

TriestePrima è in caricamento