Sport

"Nuove Percezioni attraverso i Nature Mandalas" sabato da Parovel

Sabato 4 maggio 2013 @ cantina Parovel in collaborazione con ASD Valentino Joganp r e s e n t a"NUOVE PERCEZIONI attraverso i NATURE MANDALAS" Serata evento tra prelibatezze vegetariane e degustazione degli extravergini Parovel, il tutto...

Sabato 4 maggio 2013 @ cantina Parovel in collaborazione con ASD Valentino Jogan
p r e s e n t a
"NUOVE PERCEZIONI attraverso i NATURE MANDALAS"
Serata evento tra prelibatezze vegetariane e degustazione degli extravergini Parovel, il tutto accompagnato dai Nature Mandalas di Alek Daneo.
Viaggio tra i luoghi del vino attraverso il suono del violoncello di Elisa Frausin e i versi di Dante recitati da Valentino Jogan, seguendo la forza energetica dei Mandala della Natura, per aprire il cuore e la mente a nuove inaspettate percezioni.
Dalle 18:30 alle 19:00 arrivo degli ospiti con benvenuto. Inizio della serata alle19:00.

Prenotazione obbligatoria ? 35,00 a persona (all inclusive).
info & prenotazioni
PAROVEL Events
+39.346.759.0953 staff
info@parovelevents.com
www.parovelevents.com
seguici anche su Facebook

DA WIKIPEDIA

Mandala (sanscrito ma??ala (?????), letteralmente: «essenza» (ma??a) + «possedere» o «contenere» (la); tradotto anche come «cerchio-circonferenza» o «ciclo», entrambi i significati derivanti dal termine tibetano dkyil khor) è un termine simbolico associato alla cultura veda ed in particolar modo alla raccolta di inni o libri chiamata Rig Veda. La parola è utilizzata, anche, per indicare un diagramma circolare costituito, di base, dall'associazione di diverse figure geometriche[1], le più usate delle quali sono il punto, il triangolo, il cerchio ed il quadrato. Il disegno riveste un significato spirituale e rituale sia nel Buddhismo che nell'Hinduismo.
Indice

Significato

Il Mandala rappresenta, secondo i buddhisti, il processo mediante il quale il cosmo si è formato dal suo centro; attraverso un articolato simbolismo consente una sorta di viaggio iniziatico che permette di crescere interiormente.
I buddhisti riconoscono, però, che i veri Mandala possono essere solamente mentali, le immagini fisiche servono per costruire il vero Mandala che si forma nella mente della gente e vengono consacrate solo per il periodo durante il quale è utilizzato per il servizio religioso.
Al termine del lavoro, dopo un certo periodo di tempo, il mandala viene semplicemente "distrutto", spazzando via la sabbia di cui è composto.
Questo gesto vuole ricordare la caducità delle cose e la rinascita, essendo la forza distruttrice, anche una forza che dà la vita.
Il termine Mandala (lett. cerchio) si ritrova in varie culture, tra cui quella buddhista, mentre il corrispettivo induista è lo Yantra (lett. "strumento").
Lo Yantra è simile al Mandala, tuttavia le due tecniche si differenziano per la complessità: lo Yantra è molto più schematico, limitandosi ad usare figure geometriche e lettere in sanscrito, mentre nel Mandala sono rappresentati anche - in maniera talvolta particolareggiata - luoghi, figure ed oggetti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nuove Percezioni attraverso i Nature Mandalas" sabato da Parovel

TriestePrima è in caricamento