Martedì, 27 Luglio 2021
Sport

Sofferta e rocambolesca vittoria (24-23) della Principe Pallamano Trieste sulla Lowen Eppan Handball

21.45 - nonostante l'assenza di Diego Crespo i ragazzi di Oveglia ci credono fino in fondo, riuscendo a rimontare in un finale mozzafiato

La Pallamano Principe Trieste, priva di una pedina fondamentale quale Diego Crespo e penalizzata da un arbitraggio sicuramente non all’altezza, è riuscita ad acciuffare per i capelli una vittoria sulla Lowend Eppan Handball per 24-23 recuperando dal 21-23 nel giro di due minuti e mezzo di gioco. L’incontro, valido per la seconda giornata di ritorno del Campionato di Pallamano Serie A1 – Divisione Nazionale 2017/18, ha visto al Palachiarbola un pubblico partecipe, che ha contestato i due fischietti (Nguyen e Lembo) per poi esultare alla vittoria, partecipando virtualmente al grande girotondo proposto alla fine dai ragazzi di Oveglia. Partita iniziata con lo spirito giusto per i biancorossi giuliani, subito avanti 2-0 grazie alle reti di Allia ed Udovicic. Nel giro di quattro minuti la formazione ospite riesce però a ribaltare il risultato con le realizzazioni di Pircher, Tschigg e Jelusic. Il pari arriva ancora dalle mani di Allia, con il nuovo vantaggio esterno ancora di Tschigg. Complice qualche errore in attacco e la difesa triestina con qualche sbavatura, l’Eppan riesce ad allungare fino al massimo vantaggio di quattro reti (6-10) a due terzi della prima frazione di gioco. Alcune parate di un attento Modrusan, entrato al posto di Postogna, hanno consentito ai biancorossi di chiudere in parità 12-12 il primo tempo grazie alle reti messe a segno da Udovicic, Di Nardo e Sandrin. Nella ripresa, dopo la rete di Pircher, alcune parate di Modrusan, confermato da Oveglia a difendere la porta giuliana, consentono ai ragazzi di Oveglia di rimettere la prua davanti: rete e tiro di rigore trasformato da Udovicic (15-14). Come successo nel primo tempo, l’Eppan cerca nuovamente la fuga e riesce a rimettere un divario importante tra le due formazioni (17-20) al sedicesimo minuto di gioco, grazie ad un tiro di rigore realizzato da Pikalek. Sono seguiti istanti molto confusi con gli arbitri che hanno spartito con eccessiva disinvoltura alcune espulsioni temporanee a carico di giocatori biancorossi, mandando su tutte le furie il pubblico sulle gradinate ed anche Oveglia, che ha guadagnato un’ammonizione. In questa situazione d’inferiorità, con un breve tratto di gara disputato con ben tre giocatori di movimento in meno, la Pallamano Principe riesce comunque a tenere, andando a segno con Carpanese. Una rete di Pernic ed un recupero di capitan Visintin, chiuso dallo stesso con un contropiede vincente, hanno dato fiducia alla squadra ed al pubblico (20-21) ma alcune palle banalmente perse in attacco hanno fatto presagire l’incubo di una sconfitta.  Dopo la rete del solito Pircher al minuto 27.26 ecco Udovicic realizzare il tiro di rigore del -1 (22-23). La rete del pareggio è arrivata grazie ad una veloce ripartenza di Allia, che con freddezza trafiggeva Michaeler a meno di un minuto dalla sirena finale. Nei secondi finali un’infrazione ospite ha dato ai biancorossi l’opportunità dell’ultimo attacco, che ha visto Pernic trovare il varco giusto a venti secondi dalla fine, che sono trascorsi senza che l’Eppan abbia avuto modo di tirare in porta. Grande entusiasmo in campo e sugli spalti per questa vittoria che mantiene la Pallamano Principe Trieste nelle zone alte della classifica, in vista della difficile trasferta di sabato prossimo a Lavis contro il Pressano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sofferta e rocambolesca vittoria (24-23) della Principe Pallamano Trieste sulla Lowen Eppan Handball

TriestePrima è in caricamento