menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sofferta vittoria per l'Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste, che supera Recanati 88-86 dopo un tempo supplementare

22.55 - due punti importanti conquistati dai biancorossi, che a questo punto possono ambire a qualcosa in più di una semplice salvezza

Davanti a 3440 spettatori l’Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste s’impone di misura (88-86) dopo un tempo supplementare sulla coriacea Basket Recanati, formazione che ha tentato in tutte le maniere di portare a casa due punti dopo otto sconfitte consecutive. Pecile & compagni, dopo due quarti equilibrati, hanno dato una spallata che sembrava decisiva – parziale di 14 firmato da Parks con 10 punti consecutivi e da capitan Coronica; La formazione marchigiana guidata da coach Sacco ha saputo invece rosicchiare gradualmente lo svantaggio accumulato e, complici anche alcune contestate decisioni arbitrali, si è trovata ad 8 secondi alla fine dell’ultimo quarto con la palla della vittoria, sbagliata da Traini. Nell’overtime l’Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste ha preso un vantaggio di 6 punti ma nel finale ha rischiato di gettare al vento la partita. Fortunatamente il rimbalzo sul libero sbagliato volutamente da Sollazzo è stato arpionato da Parks e quindi il pubblico triestino ha potuto festeggiare la decima vittoria della formazione biancorossa. Ancora una prova importante sfoderata da Parks (25 punti e 10 rimbalzi) seguito da Nelson, al suo esordio tra le mura del PalaTrieste, con 15 punti e 6 assist ed infine 12 punti per Baldasso, che di partita in partita acquista fiducia nei suoi mezzi. Per gli ospiti asssoluto dominio sotto i tabelloni da parte di Lawson (28 punti e 16 rimbalzi) seguito dall’italo-americano Adam Sollazzo con 22. Con questa vittoria i ragazzi di Dalmasson raggiungono a 20 punti l’Orasì Ravenna e la Remer Treviglio.

PRIMO QUARTO
L’Alma-Agenzia per il Lavoro parte con Parks, Nelson, Baldasso, Landi e Prandin; Recanati risponde con Pierini, Lauwers, Traini, Lawson e Sollazzo. Immediato battesimo del canestro di casa per Nelson, che appoggia da sotto su assist di Landi. Difese individuali per entrambe le formazioni: più precisI i biancorossi che confezionano il primo mini break di 7-0 con la tripla di Baldasso ed i 4 punti di Prandin. Rispondono con la stessa moneta Lawson e Sollazzo: le due squadre ritrovano la parità (11-11). Altri due punti di Landi, seguiti da una bomba di Baldasso: i ragazzi di Dalmasson cercano nuovamente la fuga; sotto i tabelloni domina però la fisicità di Lawson che trasforma in punti tutti i palloni che i compagni gli forniscono sotto. Nel finale di quarto Pierini fa 1 su 2 dalla linea di carità. Alla prima sirena punteggio fissato sul 20-20.

SECONDO QUARTO
Parks muove il tabellino ma Pierini riporta la parità. Nessun biancorosso riesce a fermare Lawson che, con quattro punti consecutivi, dà il primo vantaggio esterno (22-24). Fiammata di Nelson con una tripla ed una palla recuperata: l’Alma-Agenzia del Lavoro Trieste si porta a +4 (34-30). Nella seconda parte del quarto qualche palla sprecata in attacco dai ragazzi di Dalmasson consente alla formazione marchigiana di produrre un controbreak di 13-2, mettendo la testa decisamente avanti 36-43. Trieste recupera con i punti di Parks, Nelson e Landi e va al riposo lungo con il minimo svantaggio (42-43)

TERZO QUARTO
Dopo i due punti siglati dal solito Lawson, Parks prende in mano la squadra e, con dieci punti consecutivi ribalta l’inerzia della gara; porta il suo contributo anche capitan Coronica il quale, con quattro punti consecutivi, ricaccia Recanati a -11. Sembra l’allungo decisivo per Trieste ma Recanati riesce a recuperare qualcosa sui biancorossi ma l’ottimo Baldasso riesce a tenere lontani i marchigiani, tenendoli a sette punti allo scadere del terzo quarto (69-62).

QUARTO QUARTO
Trieste segna con il contagocce mentre Recanati trova il pareggio (74-74) con una tripla scoccata da otto metri da parte di Maspero; Prandin trova due punti fondamentali in entrata mentre, dall’altra parte, Lawson non  fallisce i liberi della parità. Una contestata infrazione di Prandin consegna a Recanati la palla della vittoria quando mancano 8 secondi alla fine; il tiro di Traini esce e la sirena sancisce l’extratime.

TEMPO SUPPLEMENTARE
Trieste parte bene in questo tempo supplementare e mette subitro sette punti di vantaggio. Qualche palla persa da parte dei biancorossi consentono al Basket Recanati di riportarsi sotto con Traini e Sollazzo. Ed è quest’ultimo a trovare due liberi a sei secondi dalla fine del supplementare. L’italo americano realizza il primo e sbaglia volutamente il secondo per recuperare il rimbalzo, La carambola è arpionata da Parks, che apre per Nelson. Il nuovo acquisto dell’Alma attende Parks per la schiacciata che dovrebbre suggellare la vittoria ma l’assist arriva dopo la sirena e quindi il punteggio finale rimane fissato sull’88-86 per i biancorossi. Consueto “cinque” alto collettivo per i ragazzi di Dalmasson, che dopo si fermano volentieri sul parquet per concedere autografi ai tifosi o per farsi fotografare accanto al pubblico entusiasta.
  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento