menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coppa Italia, la Triestina cede ai rigori al Tamai

Di Aquaro l'errore decisivo dal dischetto. Discreta comunque - nel complesso - la prova dei ragazzi rossoalabardati

Per il 1° turno eliminatorio di Coppa Italia di Serie D 2016/2017 l’Unione Sportiva Triestina ha incontrato al “Rocco” la Polisportiva Tamai: la squadra ospite si è aggiudicata l’incontro 7-6 dopo i calci di rigore: i tempi regolamentari si erano chiusi sullo 0-0; l’incontro è stato disputato a Trieste sulla base degli accordi tra le due società e la Lega Nazionale Dilettanti, che hanno inoltre convenuto di devolvere parte dell’incasso alla popolazione del Centro Italia colpita dal terremoto lo scorso 24 agosto. A tal proposito è stato osservato un minuto di silenzio prima dell’inizio dell’incontro. Rispetto a domenica scorsa l’Unione Triestina ha proposto tra i pali Jean Claude Consol, in difesa Corteggiano ha preso il posto di Brandmayr mentre l’attacco è stato affidato al trio França, Serafini e Dos Santos, con Frulla dietro alle punte al posto di Bradaschia, schierato tra i giocatori a disposizione di mister Andreucci. Pochi i presenti sugli spalti, con rappresentanza di tifosi giunti dalla provincia di Pordenone. Primo tempo che rispecchia quello disputato domenica scorsa contro il Cordenons con l’Unione Triestina che non carbura, sfiorando comunque la rete con França il cui tiro, deviato da Buiatti, sbatte sulla traversa, rimbalzando sulla parte interna della riga di porta. Nel secondo tempo Andreucci prova a rivitalizzare l’attacco rossoalabardato inserendo Bradaschia; l’attacco triestino si trova però di fronte una difesa più organizzata rispetto a quella del Cordenons e non trova gli spazi necessari, chiuso con ordine dal Tamai che cerca di rendersi pericoloso con improvvise ripartenze, colpendo anche un palo al 27° minuto. Ai  ragazzi di Andreucci manca un pizzico di fortuna sul tiro di Serafini che al 36° colpisce la traversa e dieci minuti dopo, in pieno recupero, sul colpo di testa di Bajic destinato all’incrocio ma respinto sulla linea da un difensore ospite. Nel complesso una partita giocata discretamente dalla formazione triestina, contro una squadra che l’anno scorso ha chiuso al 7° posto il campionato di serie D. La squadra può - e deve ancora - migliorare: i tifosi confidano in un miglioramento già domenica 4 settembre con il primo impegno di campionato. Anche questa sera non sono comunque mancati gli applausi dei ragazzi della Furlan.

PRIMO TEMPO

3°: prima occasione del Tamai con un colpo di testa di Sellan che Consol devia sopra la traversa. Serie di calci d’angolo per gli ospiti che creano qualche apprensione alla difesa rossoalabardata.

9°: si fa vedere la Triestina con un tiro da fuori scoccato da Frulla con palla sul fondo.

20°: ancora Tamai pericoloso su azione d’angolo concluso da un tiro di Bignucolo che esce di poco sul fondo alla sinistra di Consol.

29°: angolo per la Triestina calciato da Frulla: traiettoria insidiosa con Buiatti chiamato a smanacciare nuovamente in corner.

30°: ammonito Carraro per gioco scorretto.

42°: tiro improvviso di  França che viene deviato dal portiere sulla traversa: il pallone rimbalza sulla riga di porta e viene recuperata da Buiatti.

45°: un minuto di recupero.

46°: il signor Kumara manda le due formazioni a riposo. Unione Triestina lenta in questo primo tempo con la formazione ospite che si è difesa con ordine e che ha corso più dei ragazzi di Andreucci.

SECONDO TEMPO

9°: sostituzione per entrambe le squadre: la Triestina fa entrare Bradaschia al posto di Dos Santos mentre il Tamai sostituisce Corvaglia con Bezzo.

12°: tiro da lunga distanza di Bajic, palla sul fondo.

15°: il Tamai sostituisce Sellan con De Poli; la Triestina sostituisce Carraro con Turea.

19°: appoggio in area per Bradaschia, il portiere sventa in uscita.

22°: buona ripartenza di Turea, che, dopo aver attraversato tutto il campo palla al piede, entra sbilanciato in area e si fa anticipare dal portiere.

25°: tiro dal limite di Serafini, bloccato senza difficoltà da Buiatti.

27°: palo del Tamai colpito su calcio di punizione.

29°: il Tamai sostituisce Furlan con Petris.

30°: su cross di Bradaschia Colombera sfiora di testa il clamoroso autogol; sul conseguente calcio d’angolo colpo di testa di França di pochissimo alto sopra la traversa.

32°: calcio di punizione da circa 25 metri in posizione centrale: il tiro di França è deviato in angolo da Buiatti.

36°: tiro di Serafini che recupera una palla mal gestita dalla difesa ospite:  la sfera colpisce la traversa e rimbalza in campo.

39°: la Triestina sostituisce Frulla con Girardini.

42°: ammonito Serafini per gioco scorretto.

43°: ammonito Aquaro per fallo di mano volontario e conseguente calcio di punizione da posizione pericolosa: il tiro è abbondantemente sopra la traversa.

45°: quattro minuti di recupero.

46°: su azione d’angolo il portiere ribatte malamente: il colpo di testa di Bajic indirizzato all’incrocio dei palio, è respinto sulla linea da un difensore del Tamai.

49°: parità alla fine dei tempi regolamentari: non ci sono tempi supplemetari ed il passaggio del turno è subito affidato ai tiri di rigore.

Dopo cinque rigori le due squadre si trovano ancora in parità: la terza serie di rigori è infatti neutralizzata dai rispettivi portieri (di França l’errore dal dischetto per l’Unione); si prosegue pertanto ad oltranza e la partita si chiude all’ottavo tiro di rigore, con l’errore di Aquaro.

Il Tamai si aggiudica l’incontro 7-6 ed accede al secondo turno di Coppa Italia. Per i ragazzi di Andreucci concentrazione massima sul campionato: si inizia domenica 4 settembre al Rocco contro la Carenipievigina. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Via libera alle visite agli ospiti delle Rsa: ecco le regole

  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento