Domenica, 19 Settembre 2021
Sport

Triestina, al via gli allenamenti… ma i tifosi perdono la pazienza

13.01 - Il centro coordinamento dei Triestina club diffida la società dall'utilizzo del marchio e annuncia che non verrà più appoggiata nessuna iniziativa

Ieri mattina è cominciaot il raduno della Triestina a Basovizza, al campo dello Zarja (Seconda categoria). Non sembrava per niente una squadra che si appresta a disputare un campionato di Serie D puntando alla vittoria e alla promozione: infatti all'allenamento si sono potuti contare 27 giovani calciatori, ma nessuno dei big.

Un inizio senza tifosi, neanche un supporter a salutare la squadra, chiaro segno di fiducia e interesse ormai andati persi. Da lì a poco ecco dunque il comunicato del Centro di coordinamento dei Triestina club:

La maggior parte dei tifosi sino ad adesso ha avuto fiducia e pazienza che l’operato dei nuovi proprietari portasse all’obiettivo di una struttura societaria solida e ad una squadra composta da giocatori tali da poter il prossimo anno vedere le posizioni alte della classifica con ambizioni di promozione. Tutto questo non nasce dalla fantasia e dall’entusiasmo che arma ogni tifoso ma dalle parole del Presidente e dell’amministratore delegato. Ad oggi ci troviamo con una societa’ che rischia nuovamente il fallimento e punti di penalizzazione perché i debiti fatti dalla precedente proprieta’ ed assunti con regolare contratto, non sono stati onorati. Avevano detto di aver acquistato la Triestina perché era una societa’ gioiello con pochi debiti e, con un investimento di un milione e mezzo di euro, Trieste avrebbe potuto rivedere serie calcistiche piu’ consone al suo blasone. Nulla ad oggi è stato fatto. I tifosi triestini hanno esaurito la loro pazienza e, con questo comunicato, stando cosi’ le cose, intendono chiudere qualsiasi rapporto con questa societa’, diffidandola immediatamente dall’usare il proprio storico marchio e non appoggiandola piu’ in nessun tipo di iniziativa come ad esempio gli abbonamenti. Auspicano inoltre l'appoggio dei politici triestini affinché si schierino assieme ai tifosi per far si che questa storica societa’ venga ceduta immediatamente ad altre persone che abbiano a cuore le sorti della quasi centenaria Unione Sportiva Triestina con un minimo di solvibilita’ e con competenze calcistiche. Non domani, oggi. Il centro di coordinamento in nome e per conto dei tifosi triestini.
Il Presidente Sergio Marassi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Triestina, al via gli allenamenti… ma i tifosi perdono la pazienza

TriestePrima è in caricamento