Triestina-Arvedi: 180 mila euro, Porcari e abbonamenti per i dipendenti Siderurgica

Rinnovato il sostegno da parte del cavaliere all'Unione

la maglia della scorsa stagione

Nella giornata di ieri è stato perfezionato il trasferimento del calciatore Filippo Porcari dall'U.S. Cremonese all'U.S. Triestina Calcio. Il forte centrocampista classe ’84 giunge a Trieste a rafforzare la squadra rossoalabardata «grazie alle intese intercorse con il club lombardo ed al determinante contributo del patron della Cremonese Giovanni Arvedi  - si legge in un comunicato stampa -. Il calciatore arriva in prestito gratuito fino al 30 giugno 2018, ha già effettuato oggi pomeriggio il primo allenamento con i nuovi compagni e indosserà la maglia numero 17».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È stato poi confermato sul piano della collaborazione il rinnovo del rapporto di sponsorizzazione fra Siderurgica triestina, società del gruppo Arvedi, e Triestina Calcio per una cifra complessiva di 180.000 euro. Inoltre, Siderurgica Triestina ha riconfermato anche per quest’anno il contributo all’acquisto degli abbonamenti al campionato della Triestina per i propri dipendenti della Ferriera di Servola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento