Una Triestina a corrente alternata impatta con il Gubbio

L'undici di Pavanel a tratti gioca il miglior calcio della stagione mentre il Gubbio si porta sul 2 a 0. Grande rimonta dei rossoalabardati che con Pizzul e Lambrughi trovano il pareggio. Tra tre giorni di nuovo in campo contro la Fermana

La Triestina parte in sordina nei primi minuti lasciando il pallino del gioco al Gubbio. Il momento dura poco, fino a circa minuti dall’inizio. All’11’ infatti il primo squillo della Triestina che ci prova Procaccio con un tiro da oltre venticinque metri, che però finisce a lato della porta difesa da Marchegiani.

14’ Beccaro sempre da lontano con una palla che rimbalza ma senza fortuna. Al 16’ Libutti con un filtrante serve Procaccio che trova Bracaletti sul secondo palo. L’impatto con il pallone è deciso ma la difesa degli eucubini riesce a liberare.

Quattro minuti dopo è Hidalgo a trovare l’imbucata per Procaccio che gira dietro un “calcio di rigore” per Steffè che arriva lungo e di sinistro spedisce in curva.

Al 25’ dopo un ingenuo fallo di Bracaletti nasce una punizione dai 22 metri che Casiraghi taglia perfettamente infilando un incolpevole Boccanera. Passano cinque minuti e Casoli per gli ospiti colpisce la traversa dopo un cross che Boccanera “battezza” alta, facendo sospirare i tifosi accorsi al Rocco.

Al 40’ la Triestina preme sulla difesa del Gubbio con un paio di traversoni che non trovano nessuno dei rossoalabardati all’impatto con il pallone.

Secondo tempo

La ripresa si apre con il cambio Granoche per Bracaletti. Dopo tre minuti è subito Hidalgo ad impensierire la difesa umbra con un destro dal limite dell’area che si spegne di poco a lato.   

Al 6’ è invece il “Diablo” a girarsi bene in area su una sponda di Beccaro. Il tiro però è debole e finisce tra le mani di Marchegiani che para agevolmente. La partita scivola via tra il fraseggio rossoalabardato e le ripartenze degli uomini di Galderisi. Succede poco o niente fino al 2 a 0 degli umbri ad opera di Plescia che, complice un’uscita sventurata di Boccanera, sembra mettere la parola fine alla partita.

Ma l’Unione reagisce bene e nel giro di quattro minuti – dal 37’ al 40’ del secondo tempo – rimette il match in parità in ragione del gol di Pizzul (fortunoso) e del definitivo pareggio del capitano Lambrughi che da due passi spinge in porta un bel cross dalla destra.

Sussulto finale per il pubblico del Rocco con il gol (annullato) di Bariti che si improvvisa Maradona in Messico e usa le mani per firmare un 3 a 2 che tutto sommato non sarebbe stato, per gli uomini di Pavanel, così immeritato.

Il tabellino 

Triestina: Boccanera, Libutti, Malomo, Lambrughi, Sabatino, Steffè, Coletti, Beccaro, Bracaletti, Procaccio, Hidalgo. A disposizione: Zuani, Pizzul, Granoche, Mensah, Codromaz, Bariti, Pedrazzini, Ghiglia, Bolis, Marzola, Gozzerini.

Gubbio: Marchegiani, Malaccari, Benedetti, Marchi, Casiraghi, De Silvestro, Schiaroli, Tofanari, Piccinni, Pedrelli, Casoli. A disposizione: Battaiola, Lo Porto, Paolelli, Nuti, Conti, Conti, Battista, Plescia, Morlandi.

reti: 25’ pt Casiraghi (Gubbio), 27’ st Plescia (Gubbio), 37’ st Pizzul (Triestina) e 40’ Lambrughi (Triestina)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arbitro: Longo di Padova, assistenti Massara di Reggio Calabria e D’Elia di Sassari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: boom di contagi in Croazia, 95 in un giorno

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

  • Come scegliere o cambiare il medico di base a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento