Venerdì, 19 Luglio 2024
In vista del derby

Miglior attacco contro difesa meno battuta: tutti i numeri di Triestina-Padova

Facundo Lescano guida il miglior attacco del campionato contro la compagine che ha subito meno goal di tutti e che ad oggi è ancora imbattuta. Un terzo delle reti dell'Unione arriva sempre nell'ultimo quarto d'ora, mentre la squadra di Torrente una volta su tre prende goal nei dieci minuti finali. Il "buco" della Triestina a metà ripresa, e il consueto forcing finale del Padova. Dove si deciderà il match

TRIESTE - Il capocannoniere Facundo Lescano guida il miglior attacco contro la difesa meno battuta e un Padova che fino ad oggi non ha mai perso. Al di là di nostalgiche narrazioni dei tempi andati, il derby del Triveneto è anche e soprattutto una questione di numeri. Partiamo dal clima che si dovrebbe respirare al Rocco. L'ennesimo ritorno a Valmaura di quest'anno (tralasciando la questione concerti e dichiarazioni di ex assessori che fortunatamente poco c'entrano con il calcio giocato) vedrà una cornice di pubblico degna del match. Nel pomeriggio di oggi 19 dicembre - a tre giorni dalla partita - la prevendita va a gonfie vele. Sono oltre 3000 i biglietti venduti, ai quali vanno aggiunti gli oltre 900 tifosi che raggiungeranno Trieste dal capoluogo patavino e gli abbonati dell'Unione che, finalmente, non dovranno sobbarcarsi la trasferta in quel di Fontanafredda. Il direttore generale Alex Menta attraverso i social ha lanciato un appello: "Ragazzi, tutti di noi dobbiamo spingere questa settimana. Dobbiamo portare nuove persone. Ne voglio 12.000 allo stadio. La squadra se lo merita. Il presidente lo merita". 

Le prime statistiche

Scendendo nei termini del calcio giocato, al Rocco si affronteranno due corazzate. La Triestina di Tesser nelle ultime uscite ha dimostrato di non mollare mai, con il match di Novara manifesto della caparbietà dell'undici rossoalabardato. Torrente, dal canto suo, può contare su una compagine particolarmente solida che non va sotto quasi mai. In casa l'Unione ha perso solo una volta (all'esordio contro il Trento), mentre fuori casa le sconfitte sono arrivate con la Pergolettese e con l'Atalanta U23. Il Padova non ha mai perso e anche quando è andato in difficoltà è riuscito sempre almeno a portare a casa un punto.

I numeri dei greghi

La Triestina ha una media goal impressionante: sono poco meno di due le reti che ogni partita i greghi mettono a segno. Nel dettaglio, dei 35 goal messi a segno 13 sono stati siglati nel primo tempo, 18 invece nella ripresa. Di questi, ben 12 nell'ultimo quarto d'ora dei tempi regolamentari, ovvero dal 75' al 90' (di cui cinque nel recupero). Nelle 15 reti incassate, invece, la squadra di Tesser ne ha subite poco più di un terzo nella prima frazione (sei), con le restanti nove nel secondo tempo. Ad approfondire questo dato, ecco che emerge che nel quarto d'ora centrale (dal 62' al 77') la Triestina ha preso ben sette reti, mettendo in mostra il momento "debole" della gara. 

Quelli del Padova

Per quanto riguarda invece i biancoscudati, ecco che la squadra di Torrente dei 30 goal messi a segno 14 sono stati realizzati nel primo tempo (di cui otto nei dieci minuti dal 20' al 30'); nella ripresa il Padova ne mette a segno 16, ma il dato da analizzare sono le nove reti nel quarto d'ora finale dei tempi regolamentari (dal 75' al 90', di cui quattro nel recupero). Se si sposta la lancetta indietro di cinque minuti (cioè dal 70'), ecco che vanno aggiunte altre tre reti. Nella parte finale del secondo tempo il Padova fa spesso male alle proprie avversarie. Dando un occhio ai goal subiti, ecco che quelli incassati nella prima frazione sono quattro. Sette invece quelli subiti nella ripresa, con un dettaglio: di questi ben quattro tra l'80' e l'88'. Un momento della partita in cui la Triestina va molto spesso a bersaglio. 

Dove si vince il match

Analizzando i dati, emerge quindi che a metà ripresa la Triestina solitamente soffre, mentre il Padova subisce spesso goal negli ultimi dieci minuti. Entrambe però hanno condizione fisica molto buona per arrivare fino in fondo alla gara con lucidità. Sarà un match che si preannuncia equilibrato il che significa, con ogni probabilità, che l'arma in più per vincere arriverà dai calci piazzati, dalla capacità di creare superiorità numerica nell'uno contro uno e dalle giocate individuali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miglior attacco contro difesa meno battuta: tutti i numeri di Triestina-Padova
TriestePrima è in caricamento