menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Unione, il Punto di Andrea Giovannini

Dopo, tutto sommato, la buona prestazione col Varese, mi sembrava che si potesse far bene. Invece, in uno scontro direttissimo, contro un Frosinone che era alla nostra portata, non siamo riusciti a fare bottino pieno. E meno male che un punto è...

Dopo, tutto sommato, la buona prestazione col Varese, mi sembrava che si potesse far bene. Invece, in uno scontro direttissimo, contro un Frosinone che era alla nostra portata, non siamo riusciti a fare bottino pieno. E meno male che un punto è stato incamerato, perché, sarò anche l'eterno ottimista che vive di speranze, ma per me l'Unione può ancora farcela.

Può ancora farcela, perché gli scontri diretti ci sono, le squadre alla nostra portata anche. Lo testimoniano i risultati dell'andata proprio in questa fase finale e qualche colpaccio ci può ancora stare. Evidentemente non è un gioco da ragazzi, non è quella che si può definire, una passeggiata, ma confido ancora una volta in più nella determinazione del Mister e quella carica che può trasmettere ai propri giocatori.

Le testate giornalistiche di casa nostra ci danno come vittime di un campionato abbondantemente finito, io, voglio andare contro corrente. Analizzando con facilità estrema quella che è stata la gara di domenica: 15' di gioco da parte dell'Alabarda, risultato: 2 reti e 1 punto in classifica. Reazione, dopo il due a zero sfido chiunque a reagire, per di più nella situazione della Triestina, ultima e con la necessità di fare bottino pieno, gioco anche con un Frosinone chiusissimo e realizzazioni! Dati che a mio modesto parere, potrebbero far sperare.

Se Salvioni sarà bravo, potrà cercare di lavorare proprio su questi aspetti di una gara che si doveva vincere, ma che, per come si era messa, ora, se sfruttata nel modo migliore, vale quanto l'oro. E' chiaro che l'Atalanta non è la miglior avversaria che ci si poteva aspettare dopo la gara con il Frosinone, per di più a Bergamo e non mi vengano a dire che loro sono già con la promozione a portata di mano, appagati da una gran bella stagione e via dicendo, sarà partita vera.

Proprio per questo gli Alabardati dovranno dimostrarsi più forti di tutto quello che è il mondo esterno, vivere i 90' della prossima gara, assieme alle partite che ancora mancano alla fine, al 200 per cento, per poter aspirare ad una serie positiva che possa dare al popolo di tifosi Triestini una salvezza a cui qualcuno ancora vuol credere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 277 casi e sette decessi, calano ricoveri e isolamenti

  • Cronaca

    Ristori per far fronte alla crisi, le osmize riceveranno 700 euro

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento