menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vademecum per l'Aspirante Imprenditore Realizzata dal Sole 24 Ore in Distribuzione Gratuita alla Camera di Commercio

La mia impresa Il nuovo vademecum per l’aspirante imprenditorePresentata la guida realizzata da Aries e Il Sole 24 Ore, alla presenza di Antonio Paoletti,  degli assessori regionale, Federica Seganti e provinciale, Adele PinoUno sprone allo...

La mia impresa Il nuovo vademecum per l'aspirante imprenditore
Presentata la guida realizzata da Aries e Il Sole 24 Ore, alla presenza di Antonio Paoletti, degli assessori regionale, Federica Seganti e provinciale, Adele Pino

Uno sprone allo spirito imprenditoriale, non sempre spiccato, locale.
La guida "La mia impresa", realizzata da Aries e da Il Sole 24 Ore e presentata ieri in Camera di Commercio, è una risposta a quella classifica, pubblicata proprio da Il Sole 24 Ore pochi giorni fa, in cui Trieste compare agli ultimi posti per tasso di imprenditorialità.
Ma è soprattutto una risposta e uno strumento concreto per i tanti giovani e meno giovani, che in questa difficile congiuntura economica scelgono di intraprendere la via dell'autoimprenditorialità e non possono permettersi nessun passo falso.

LA GUIDA:
"La mia impresa. Guida a chi aspira a creare un'azienda: informazioni e consigli utili, trappole da evitare" è un agile vademecum per accompagnare il neoimprenditore nell'inedito percorso dell'autoimprenditorialità, realizzata dalle giornaliste de Il Sole 24 Ore Mariarosaria Marchesano e Giulia Leoni.

Dieci capitoli con altrettanti approfondimenti sulle scelte cruciali per l'aspirante e neo-imprenditore, dai primissimi passi alle scelte di promozione strategica.

"La mia impresa" spiega in modo conciso come trasformare un sogno in un'idea di impresa, raccapezzandosi fra le diverse forme giuridiche e dandovi forma con un chiaro business plan.

Il primo grande ostacolo, ovvero "trovare i soldi", viene affrontato suggerendo una panoramica sui premi e sui concorsi per le start up, sui finanziamenti europei e regionali e sulle modalità per destreggiarsi tra banche e microfinanza.
Si entra nel vivo delle procedure necessarie per l'avvio dell'attività, chiarendo il ruolo delle istituzioni, tra cui quello delle Camere di Commercio.
Ci si addentra nel fisco e nella contabilità, distinguendo i regimi nelle diverse forme giuridiche, il modello contabile e il tipo di tassazione.

Viene quindi presentata una nuova opportunità, quella delle reti d'imprese, e vengono messe a fuoco tutte le potenzialità e le criticità da non dimenticare quando si definisce un piano di comunicazione, di promozione strategica e di marketing, anche con l'impiego del web. Infine cinque storie emblematiche di altrettanti giovani imprenditori che si sono messi in proprio con successo.

La guida verrà distribuita in vendita nelle librerie, ma gli aspiranti imprenditori locali potranno ritirare gratuitamente una copia negli uffici di Aries. <E' vero che dal punto di vista imprenditoriale, la provincia di Trieste presenta una minore imprenditorialità diffusa (con 10,3 imprese attive ogni 100 abitanti in età attiva, rispetto ai 12,4 a livello regionale e 13,3 in Italia), ma Trieste ha una comunità scientifica di altissimo livello (con 7,7 ricercatori ogni 1000 lavoratori) e grandi potenzialità anche grazie alla formazione dei nostri giovani - nota il presidente camerale Antonio Paoletti-.
Nella provincia di Trieste, infatti, un decimo della popolazione con più di 15 anni è laureata, una percentuale superiore a quella delle altre province regionali, del Veneto e del Trentino.
E proprio per sviluppare appieno queste potenzialità, Aries in collaborazione con "Il Sole 24 ore", ha deciso di creare la Guida che oggi presentiamo, destinata ai giovani che decidono di investire nel proprio futuro creando un'attività imprenditoriale>.

<Un plauso a questa guida, completa ed estremamente utile per indirizzare i giovani alla via imprenditoriale, troppo spesso presa in considerazione solo dopo un inserimento o un mancato inserimento nel lavoro dipendente - ha rilevato Adele Pino, assessore provinciale alle Politiche attive del lavoro,- Con esperienza posso dire che l'informazione non è mai abbastanza quando si entra nel campo delle politiche del lavoro>.

<La crisi impone la ricerca di percorsi alternativi per chi entra e per chi, purtroppo, è uscito dal mondo del lavoro - nota l'assessore regionale alle Attività Produttive, Federica Seganti - e la nuova impresa che crea occupazione può essere anche quella dei servizi alla persona, non necessariamente altamente professionalizzata.
A maggior ragione è fondamentale l'esistenza di strumenti utili per indirizzare gli aspiranti imprenditori. Le politiche regionali - aggiunge - vanno a favore della nuova impresa con azioni mirate come gli incentivi per l'imprenditoria femminile che verranno finalizzati a febbraio e quelli per l'imprenditoria giovanile in fase di definizione>.

L'esperienza pluriennale dell'"Area creazione e sviluppo d'impresa" di Aries in stretto contatto con gli aspiranti imprenditori viene così fatta confluire in questo pratico strumento creato grazie alla collaborazione tecnica dei giornalisti del più importante quotidiano economico nazionale.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento