menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vasco Vascotto: «Un anno di vela indimenticabile»

In un video su Facebook il campione di vela triestino Vasco Vascotto saluta il 2015, ricordandolo come un anno ricco di successi e soddisfazioni. Molti i progetti e le speranze per l'anno appena iniziato, con l'augurio di vedere Trieste sempre più presente nelle pagine sportive: «Tanti progetti per il futuro dello sport a Trieste

Sono le 7.30 del 31 dicembre e in una Piazza Unità semi deserta, mentre l'ultimo giorno dell'anno sta per iniziare il suo corso, Vasco Vascotto, skipper e tattico triestino di fama mondiale, saluta l'anno passato e attende l'arrivo del nuovo, tra sogni e speranze che racconta in un video emoziante postato su Facebook. Per qualche minuto il campione di vela si toglie i panni del "comandante della nave" e parla con il cuore in mano. Un cuore ricco di successi e di traguardi raggiunti in molti campi della sua vita. Una carriera cominicata grazie a una "dote innata" come la definisce lui, quel saper leggere il vento che oltre a soddisfazioni professionali gli ha regalato la possibilità di fare sempre quel qualcosa che ama.

«Se qualche anno fa mi avessero chiesto "cos te fa nella vita?" - racconta ironicamente Vascotto - e io avessi risposto "leggo il vento e cerco di capire da dove verrà la prossima raffica, probabilmente mi avrebbero messo dentro. A San Giovanni. Invece in realtà ho fatto di questa mia capacità di leggere il vento un lavoro. E allora ti rendi conto che tutto sommato sei stato fortunato».

«È l'alba e l'alba secondo me deve essere un momento che porta a fare qualcosa si nuovo. Il mio sogno per il 2016 - continua il campione - è quello di vedere sempre più nonni che accompagnano i nipoti ad allenarsi nei vari sport. Non per forza la vela, ma qualsiasi sport. L'importante è che lo facciano in maniera sana, imparando i principi sani dello sport, quelli che poi servono nella vita». Occhi ricchi di speranza e di sincerità quelli Vasco Vascotto attraverso i quali volge un pensiero alla città di Trieste: «Mi auguro anche che ci siano sempre più pagine sportive, di attività sana di sport triestino. Di sentire parlare meno di croncaca nera e di personaggi che pensano solo al proprio successo e arricchimento personale. Insieme - conclude - possiamo anche decidere le sorti del nostro destino e di quello dei nostri bambini». 

Il video completo: https://on.fb.me/1SqeF3c

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento