Volley S3 e Spikeball, in tantissimi per la tappa dedicata a Tania

Una quinta uscita annuale che però ha avuto il piacere e il merito di rispettare un minuto di raccoglimento in avvio di entrambe le fasi della mattinata, per omaggiare la figura di Tania Cerne, prima giocatrice, poi allenatrice e poi figura portante del Kontovel, scomparsa prematuramente una decina di giorni fa.

Puntuale come ogni seconda domenica del mese, presso il Palazzetto di via Calvola, è andata in scena la quinta tappa stagionale del circuito “Volley S3 e Spikeball” la carovana più attesa dai giovani pallavolisti, dedicata allo svolgimento degli incontri delle categorie “Red”, “White” e “Green” del movimento specifico per i più piccini. Una tappa, quella di ieri, che ha regalato sorrisi e divertimento non solo agli atleti chiamati in causa con bagher, palleggi e schiacciate, ma anche ai tanti e numerosi genitori e parenti accorsi sugli spalti.

Come deciso infatti anche per la tappa pre-natalizia, ecco l'invito degli organizzatori esteso a tutte le società di colorare il parquet beige del Palacalvola. E a questa chiamata, molti sono stati i bimbi ad aver accettato, presentandosii sul parquet sia con interessanti costumi carnevaleschi che con trucchi sui giovani visi.

Una quinta uscita annuale che però ha avuto il piacere e il merito di rispettare un minuto di raccoglimento in avvio di entrambe le fasi della mattinata, per omaggiare la figura di Tania Cerne, prima giocatrice, poi allenatrice e poi figura portante del Kontovel, scomparsa prematuramente una decina di giorni fa. A confermare il tutto, le parole del numero uno del volley s3 giuliano Walter Rusich: “Abbiamo voluto ricordare Tania per tutto quello che ha saputo dare al nostro movimento. Abbiamo infine deciso che da questa stagione in poi, di ricordarla in ogni edizione di febbraio, dedicandole come questo anno la tappa, chiamata per l'appunto il “Torneo di Tania”. Non ce la dimenticheremo!”

Quanto alla manifestazione vera e propria, svoltasi davanti gli occhi anche del Presidente Territoriale Paolo Manià, confermata la solita macchina organizzativa ben oliata, con due tranche di sfide iniziata nella prima mattinata con le gare del livello “Red” e poi passate con i più piccini del “White” e “Green”.

Dalle 9.00 infatti, ben 34 formazioni si sono sfidate nei dodici campi disegnati dai volontari del torneo, da qualche anno ormai perfettamente organizzati nella creazione e preparazione della struttura. Chiuso il primo turno, dalle 11.00 circa altre due ore di puro agonismo con nuove 38 mini-squadre scese in campo, regalando gioia e piacere a dirigenti e parenti presenti. A bilancio concluso, possiamo sicuramente essere soddisfatti, con un'altro successo messo in bacheca per il motore giovanile della pallavolo triestina. Si perché, conti alla mano, ben 72 formazioni si sono presentate ai blocchi di partenza.

Dando un'occhiata invece ai numeri inerenti alle partite, nel corso delle quattro ore di ieri, addirittura 240 sono state le sfide disputate, orchestrate in dodici turni di incontri disputati a tempo. Numeri positivi e in piena media annuale anche in merito alle presenze registrate, con l'importante numero di 275 giovani “minions” accorsi in via Calvola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento