Prima i beni necessari, poi le persone: Niccolò resta bloccato in Cina

Niente da fare per il 17enne di Grado e che frequenta la scuola "Sello" di Udine. Dovrà attendere ancora per tornare a casa

Niente da fare per Niccolò, costretto a restare per il momento in Cina. La vicenda del 17enne gradese – studente al “Sello” di Udine – rischia di trasformarsi in un caso diplomatico. Bloccato da giorni a Wuhan, inizialmente per una sospetta contrazione del Coronavirus poi smentita dalle analisi, non era riuscito a salire sul volo dell’Aeronautica militare che lo scorso 3 febbraio aveva riportato a Roma 56 italiani. Ieri sarebbe stato finalmente il suo momento dopo un altro tentativo andato a vuoto, ma per ora non si sa quando potrà rientrare.

Pechino e le sue ragioni

La motivazione ufficiale che arriva da Pechino è che non ci sono slot liberi per far atterrare a Wuhan l’aereo italiano che sarebbe pronto a partire per riportare Niccolò a Grado. La priorità verrebbe data agli aerei che trasportano beni di prima necessità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento