Bioest 2015, Sabato 20 giugno al Parco di San Giovanni a Trieste al via la 21esima edizione.

Al via Bioest 2015. Sabato 20 giugno al Parco di San Giovanni a Trieste con ingresso libero si inaugura la 21esima edizione della Fiera dei prodotti naturali e delle Associazioni ambientaliste, culturali e del volontariato promossa dall'Associazione Bioest - Gruppo Ecologista Naturista di Trieste

Sabato 20 giugno al Parco di San Giovanni a Trieste con ingresso libero si inaugura la 21esima edizione di Bioest, la tradizionale Fiera dei prodotti naturali e delle Associazioni ambientaliste, culturali e del volontariato promossa dall'Associazione Bioest - Gruppo Ecologista Naturista di Trieste in collaborazione con l'Amministrazione comunale. Bioest quest'anno si allarga rispetto alla formula consueta e si estende a una serie di momenti di studio e di approfondimento, ospitando gli appuntamenti dell'“Incontro Nazionale di Economia Solidale" che da oltre 10 anni si svolge in una città diversa e per il quale nel 2015 è stata scelta proprio Trieste. La RES – Rete Italiana dell’Economia Solidale ha deciso infatti di organizzare il proprio incontro nazionale nel capoluogo regionale avvalendosi della collaborazione del Forum per i beni comuni e l’economia solidale del Friuli Venezia Giulia, di Bioest e del Ce.V.I. – Centro di Volontariato Internazionale.

INES, che quest'anno si volge all'insegna del tema “Sconfinamenti”, rappresenta una vetrina privilegiata del mondo delle buone pratiche di economia solidale e offre un momento di discussione proponendosi come luogo di proposte e intende promuovere le buone pratiche e favorire la costituzione di distretti e filiere di economia solidale. Sarà articolata in due distinte aree: in una si terranno i seminari tematici con relatori internazionali e Assemblee plenarie, mentre una seconda accoglierà produttori e consumatori, suddivisi nelle 4 filiere che corrispondono ai bisogni fondamentali: Alimentazione, Vestire, Casa e buone per “buen vivir” il proprio Ambiente.

Un quinto settore accoglierà infine le esperienze di formazione dei distretti di economia solidale, cioè le comunità di cittadini che si impegnano a vivere insieme in un determinato territorio condividendo beni comuni. Gli “Sconfinamenti” - rilevano gli organizzatori - rappresentano la volontà di abbattere i recinti, materiali e psicologici, che impediscono di fare altra economia. Saranno presenti oltre 500 persone da tutte le regioni italiane nelle quali sono in corso processi di formazione di Distretti e filiere di economia altra e dall'estero, soprattutto dall’area balcanica e dall’Austria. Per due giorni saranno allestite aree espositive dove si incontreranno produttori, consumatori e altre buone pratiche e verrà organizzata una serie di seminari (Colloqui INES) nei quali si affronteranno le diverse tematiche dell’economia solidale.

Una tavola rotonda, intitolata “Sconfinamenti”, sarà dedicata alla presentazione di esperienze internazionali di economia solidale, mentre l'incontro-dibattito “L’economia solidale incontra le Istituzioni” avrà per ospiti politici e amministratori pubblici per dare vita a un diverso rapporto fra economia solidale e istituzioni pubbliche. Dalle 9 alle 22 per tutto il weekend nell'ambito di Bioest, all'ex Opp sono in programma corsi, mostre, spettacoli di danza tradizionale e musica, laboratori e numerose attività per bambini aperti e tutti e a ingresso libero. L'area benessere Spazio Energia Vitale promuoverà attività aperte a tutti durante l'intera giornata: dalle 11 in poi sia sabato che domenica ci si potrà cimentare in lezioni di Yoga, Kung Fu, Qi Gon, Nia, Taiso e Karate. Saranno due giorni per conoscere, provare, condividere, divertirsi con degustazioni, risparmio etico, biocosmesi, buone pratiche, benessere, salute, mostre, spettacoli, musica e animazione per bambini. A completare il programma un evento musicale: il concerto del gruppo folkloristico istriano Veja.

Bioest dal '93 è una delle fiere più note in Italia nel campo dei prodotti biologici e del naturale. Una festa–mercato che vede presenti 160 espositori che divulgheranno la cultura del biologico attraverso i produttori. Ci saranno agricoltori biologici e biodinamici, piccole aziende di trasformazione di prodotti alimentari, artigiani e artisti che propongono lavorazioni interamente manuali o con macchinari semplici e tradizionali, produttori di abbigliamento, tessuti e cosmesi naturale, editoria specializzata e tanto altro. A lato del mercato, saranno presenti oltre 50 associazioni del territorio impegnate in vari ambiti del volontariato: gruppi ambientalisti, animalisti, pacifisti, botteghe del commercio equo e solidale, associazioni di volontariato e di solidarietà che porteranno il loro contributo con campagne di informazione su economia alternativa, salute naturale, cultura critica, progetti e sottoscrizioni e si renderanno disponibili a condividere esperienze e favorire momenti di discussione e riflessione.

Tra le iniziative più interessanti, la danza della gravidanza, il mondo delle Doule (figure professionali che si occupano del sostegno emotivo e del benessere della donna e della famiglia dalla gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, facendo da madre alla madre) e i giochi antichi: la presenza di un'associazione di Torino specializzata in giochi che costituivano la convivialità di un tempo e accompagnavano i bambini di 100 anni fa nei cortili e nelle piazze permetterà a bimbi, genitori e nonni di riscoprire insieme giochi dimenticati. Ci saranno poi danze balcaniche e animazione con l'ARCI e si parlerà di modelli di sviluppo alternativo. I principali momenti della manifestazione saranno trasmessi in diretta in streaming da Radio Fragola (FM 104.500-104.800, www.radiofragola.com).
Per favorire l'afflusso alla manifestazione ed evitare disagi alla circolazione è stata stretto un accordo con il park di San Giovanni che ha permesso di praticare ai visitatori una tariffa di 0,25 centesimi orari. In accordo con la Polizia municipale è stato istituito un senso unico di marcia ed è stata garantita la presenza di steward che agevoleranno il parcheggio. Le persone con ridotta mobilità avranno a disposizione spazi riservati. E' stato infine istituito un servizio di bus navetta interno al comprensorio per accompagnare ospiti e relatori e incentivato il Car sharing. L'invito è comunque alla sostenibilità, preferendo l'utilizzo dei mezzi pubblici.

Il fittissimo programma di sabato 20 giugno prevede:
alle ore 9 l'apertura delle aree espositive e dibattito, in parallelo, sul loro programma di attività . Alle ore 11, Assemblea Plenaria su scenari, concetti e transizione.

Alle ore 14, Sessione del Tavolo RES su metodi partecipativi di decisione e organizzazione della Rete. Condivisione iniziative di rilevanza nazionale.

Alle ore 15.30 incontro-dibattito: “L’economia solidale incontra le Istituzioni” con ospiti politici e amministratori pubblici per dare vita a un diverso rapporto fra economia solidale e istituzioni pubbliche. Sarà presente per un saluto iniziale Debora Serracchiani, Presidente Regione FVG. Introdurrà e modererà la tavola rotonda Massimo Moretuzzo, sindaco di Mereto di Tomba (UD). Cristian Sedran, sindaco di Muzzana del Turgnano terrà un intervento su “Il ruolo dei Comuni nell'economia solidale: il progetto di Muzzana del Turgnano (UD)”. Alessio Gratton, consigliere regionale e presidente della II Commissione, relazionerà su “Il ruolo delle Regioni: il disegno di legge del Friuli Venezia Giulia”. Lucas de Oliveira Scarascia, Sovraintendente del Ministero per lo Sviluppo Agricolo Stato del Minas Gerais (Brasile) tratterà il tema de “L'esempio arriva da Sud: l'economia popular solidaria nel Minas Gerais (Brasile)”. Seguiranno gli interventi degli amministratori locali presenti e le conclusioni. Gli amministratori presenti si confronteranno sulla proposta di legge sull'economia solidale che sta per essere presentata in Consiglio regionale: il Friuli Venezia Giulia sarebbe la terza regione a disporre di una norma in materia dopo Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna. Tra gli esempi virtuosi, quello di Mereto di Tomba dov'è stata istituita la prima filiera del pane in regione. Si è deciso di coltivare campi di grano autoctono rifornendo una serie di paesi con una buona pratica che ha portato alla riscoperta del concetto di comunità e creato occupazione, valorizzando un prodotto tipico locale. Verranno fornite informazioni e strumenti a chi volesse intraprendere un'analoga esperienza.

Alle ore 17.30 “Sconfinamenti: Colloqui Internazionali” avrà per relatori studiosi provenienti da Brasile, Messico, Grecia e Germania che presenteranno il progetto solidale del Ce.V.I. basato sulla cultura senz'acqua: dalla Grecia Ioannis Barkas di Solidarity for All, dalla Germania Gunter Kramp dell'esperienza Solawi, dal Messico Juan M. Martinez Valdez, presidente di Ecopol (Ecologia y Poblacion) ONG messicana e docente universitario presso l'Instituto de Investigaciones Antropologicas del Messico partner internazionale di Ecology Action, associazione fondata da John Jeavons per diffondere le tecniche di agricoltura organica biointensiva nel mondo e Lucas de Oliveira Scarascia, Sovraintendente del Ministero per lo Sviluppo Agricolo Stato del Minas Gerais (Brasile).

Alle 21 il concerto di musica folk croato-istriana con il gruppo Veja di Pisino (Croazia. E' incentrato sulla ricerca di musica folk tradizionale istriana eseguita con arrangiamenti moderni utilizzando vari strumenti tradizionali provenienti da tutto il mondo.

Dalle dalle 10 alle 14 animazione per bambini e adulti con “i giochi di una volta” per tutto il giorno attività e danze balcaniche con l'ARCI.

Dalle 11 presso l'Area Energia Vitale si susseguiranno attività di Meditazione, Yoga, Tai Chi, Canti e tecniche di riequilibrio energetico. Nella Zona Prato alle 10 Tai Chi con Marco Guerrini, alle 11 Hatha Yoga con Cristina Simoni, alle 12 Yoga con l’associazione Metamorfosys, alle 16 Percussioni Afro con Mamaya, alle 17 Taiso (ginnastica preparatoria per le arti marziali), alle 18 Hatha Yoga con Laura Vessel, alle 19 Karate Makotokai con Alex Geretto, alle 20 Karate Makotokai Esibizione della Scuola. Nella Zona Centrale alle 16 Drunken Sailors Musica, alle 18 Tai Chi Chuan con Robertho, alle 19 Nia con Francesca Ferroni e alle 20 Nia Associazione Easydance.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento