Sara Gama insultata su Facebook: "Per me non è italiana"

La trentenne triestina, capitano della nazionale e della Juventus, proprio in occasione dei mondiali è stata investita da commenti che mettevano in dubbio la sua nazionalità e la stessa dignità del calcio femminile

Sara Gama, foto di repertorio

Commenti razzisti e sessisti al capitano della nazionale e della Juventus, la triestina Sara Gama, proprio al debutto delle azzurre al mondiale di calcio. Lo rivela la testata Open: sotto la foto che rappresenta i mondiali, con la calciatrice in primo piano e la mano sul cuore, sono piovuti insulti inqualificabili su Facebook e Twitter.

La triestina Sara Gama al Quirinale: "Dopo tanti sacrifici, il nostro Mondiale"

"Non è italiana"

Tra i commenti, aggressivi anche verso l'ortografia, qualcuno mette in dubbio la sua nazionalità: “Non capisco perché solo una ha la mano sul cuore e non essere italiana”, oppure “Quella sarà anche nata in Italia, avrà la cittadinanza italiana, parlerà italiano ma, mi dispiace, non é italiana. Non ne possiede né le caratteristiche né i cromosomi”. Altri immaginano che il colore della sua pelle (non il suo ruolo di capitano della nazionale) le abbia attirato favoritismi “Te pareva che la giocatrice africana della nazionale italiana di calcio femminile non la mettessero in primissimo piano?”.

Il calcio femminile

C'è anche chi ha esteso i pregiudizi anche a tutto il calcio femminile: “Dovrebbero proporre un bello spettacolo per avere pubblico e quindi soldi, e per ora quello che propongono è imbarazzante per chi ama il calcio. Per essere professionisti bisogna essere professionali e capaci, poi i soldi arrivano. Non è questione di pari opportunità, il calcio femminile fa semplicemente schifo”.

Da ricordare che Sara Gama è stata anche fonte d'ispirazione per la Mattel, che ha modellato su di lei una Barbie in quanto “modello positivo per le bambine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento