Cani e autobus, Trieste Trasporti passa la palla alla Provincia

Con le modifiche alla legge regionale 20/2012 in materia di benessere e tutela degli animali da affezione la Regione apre le porte ai cani sugli autobus. Mentre l'opinione pubblica si divide la Trieste Trasporti si rimette alle direttive della Provincia con cui è vincolata contrattualmente

Foto da Scuola Cani Salvataggio FVG

La Regione ha approvato in via definitiva le modifiche alla legge regionale 20/2012 che regola il benessere e la tutela degli animali da affezione. Tra le diverse modifiche, tra cui ricordiamo l'accesso libero alle spiagge a qualsiasi ora, figura anche la possibilità di poter viaggiare a bordo degli autobus del trasporto pubblico locale.

Al momento la Trieste Trasporti non ha ancora preso posizione al riguardo. L'ufficio per le relazioni col pubblico ha affermato che l'ente è vincolato nel regolamento agli obblighi contrattuali stipulati con la Provincia, specificando che per qualsiasi modifica al codice da rispettare a bordo delle vetture del trasporto pubblico sarà necessario attendere il parere del Consiglio provinciale.

Nulla cambia, per il momento. In attesa che la Provincia, e di conseguenza Trieste Trasporti, recepisca la nuova normativa non resta che adattarsi all'attuale regolamento di bordo del trasporto pubblico.

Nell'attesa degli sviluppi vi invitiamo a esprimere la vostra opinione rispondendo al sondaggio che trovate qui.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trieste usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento