Cassa integrazione: in calo del 31,5% in regione

Dai dati di un'elaborazione dell'Ires Fvg le ore di cassa integrazione in Friuli Venezia Giulia hanno raggiunto a dicembre il livello più basso degli ultimi dieci anni. Dati confortanti che indicano piccoli segnali di ripresa. A Gorizia si segnala un -49,6% mentre a Trieste si registra una flessione più contenuta con il -21,4%

A dicembre le ore di cassa integrazione guadagni autorizzate in Friuli Venezia Giulia sono state 1,8 milioni, portando il totale 2015 a 21,4 milioni, il livello più basso registrato dal 2010. Lo rileva la rielaborazione del ricercatore dell’Ires Fvg Alessandro Russo su dati Inps. Rispetto al 2014, quando venne superato il valore record di 31 milioni di ore, la diminuzione è stata del 31,5%. Nel 2015 si osserva una diminuzione sia del ricorso agli interventi in deroga (-61,5%), sia di quelli straordinari (-28,6%), sia in misura minore della Cig ordinaria (-16%). A livello territoriale la provincia che ha visto una riduzione più marcata del ricorso alla Cig è stata Gorizia (-49,6%); Trieste presenta al contrario la flessione più contenuta (-21,4%). Pordenone è invece l’unica che evidenzia un incremento delle ore di cassa integrazione ordinaria (+5,8% rispetto al 2014).

Se si analizzano i principali settori, si rileva che la maggior parte delle ore di cassa integrazione sono state autorizzate in due comparti chiave dell’economia regionale, come la meccanica e il legno-arredo. Anche l’edilizia e il commercio presentano livelli particolarmente rilevanti, seppure in calo rispetto al 2014; in entrambi i settori nel 2015 sono stati raggiunti i livelli più elevati di Cig straordinaria dell’ultimo decennio. «La dinamica delle ore autorizzate di cassa integrazione – commenta Russo – può essere considerata come uno degli indicatori da monitorare per cogliere i segnali di ripresa, anche se occorre sottolineare che questi dati rispecchiano non tanto l’andamento dell’economia reale, quanto le aspettative a medio-breve termine delle imprese».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda infine i dati relativi alle indennità di disoccupazione, in Friuli Venezia Giulia nei primi 11 mesi dell’anno sono state presentate più di 42.300 domande, contro le 41.769 di tutto il 2014. Occorre ricordare che da maggio 2015 è entrata in vigore la "Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego" (Naspi), che sostituisce le indennità di disoccupazione Aspi (Assicurazione sociale per l'impiego, che dal 01/01/2013 aveva sostituito l’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali) e mini Aspi (che aveva sostituito l’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti). Pertanto le domande che si riferiscono a rapporti di lavoro con data di cessazione fino al 30 aprile 2015 continuano ad essere classificate come Aspi o mini Aspi, mentre le domande che si riferiscono a rapporti di lavoro cessati a partire dal primo maggio 2015 sono classificate come Naspi. Tra maggio e novembre 2015 in Friuli Venezia Giulia sono state presentate più di 30.700 domande di Naspi, in Italia quasi 1,2 milioni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

Torna su
TriestePrima è in caricamento