Controlli sui taxi abusivi: "furbetto" croato sorpreso da Polizia locale e Polizia di Stato

Roberti: «Ho voluto implementare i controlli su questo tipo di attività irregolari dopo le segnalazioni dei cittadini, tassisti e la mozione di Giacomelli», Serracchiani: «Grazie alla Questura per le azioni di prevenzione e repressione»

«Sono parecchie le segnalazioni su taxi e “NCC” abusivi che avevo ricevuto da cittadini, dalle categorie interessate e anche da consiglieri comunali, primo tra tutti Claudio Giacomelli che aveva presentato una mozione, fatta propria. Ho voluto, quindi, implementare i controlli su questo tipo di attività irregolari e i risultati non hanno tardato ad arrivare».

Così il vicesindaco e assessore alla Polizia locale Pierpaolo Roberti su Facebook riferisce di un'attività del Corpo municipale: «Venerdì, il personale del Nucleo di Polizia Commerciale della Polizia locale ha sorpreso un autoveicolo croato che effettuava servizio di NCC, per connazionali, nel caso, da Fiumicello e Trieste, dietro corrispettivo». «Prese le dichiarazioni scritte dal passeggero - continua Roberti -, il conducente è stato sanzionato, ma, soprattutto, l'autoveicolo è stato posto sotto fermo amministrativo (da 2 ad 8 mesi)».

«E ora andiamo avanti a stanare i furbetti tutelando chi lavora onestamente - conclude il vicesindaco -, sempre grazie alla Polizia locale e a tutte le divise!».

«Grazie alla Questura di Trieste per le azioni di prevenzione e repressione svolte nei confronti delle attività di noleggio vetture con conducente, offerte in modo irregolare da operatori sloveni». Così la presidente della Regione Debora Serracchiani si è espressa dopo che la Questura di Trieste ha intensificato i controlli sulle aziende straniere che operano sul territorio regionale nel settore dei taxi e del noleggio di vetture con conducente (Ncc). Questi controlli hanno già portato alla comminazione di alcune sanzioni e al sequestro di un mezzo. Recenti segnalazioni provenienti da operatori del settore, supportate in precedenza da quelle di associazioni di categoria, hanno indotto la presidente della Regione a informare il questore di Trieste, Isabella Fusiello, del notevole aumento dei servizi di trasporto persone da parte di vettori sloveni i cui mezzi, è stato riferito, stazionano spesso a Trieste nella centrale piazza Oberdan in attesa di chiamate da hotel o privati utenti.

La normativa regionale prevede che la Polizia locale svolga controlli sulla regolarità degli adempimenti assolti da parte degli Ncc italiani, ma tale competenza non si estende ai vettori stranieri. La presidente della Regione, rimettendo alla competenza delle Forze dell'Ordine gli interventi più opportuni, ha ricordato l'obbligo del possesso, da parte di tutti gli operatori, del foglio di viaggio e del contratto di lavoro che ogni autista deve avere a bordo del veicolo. Come ha rimarcato Serracchiani, questa attività delle Forze dell'ordine punta ad «evitare irregolarità e fenomeni di concorrenza sleale nei confronti dei vettori italiani che danneggiano l'economia del territorio e segnatamente le imprese artigianali».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Sparatoria in Questura, offese sui social contro la Polizia: tre denunciati

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • "Come un cavallo imbizzarrito", le parole della testimone che ha incrociato il killer in via Carducci

Torna su
TriestePrima è in caricamento