Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il corteo funebre per Matteo e Pierluigi attraversa una Trieste ferita (VIDEO)

Una città in rispettoso silenzio si è raccolta intorno ai feretri dei due agenti nel percorso dalla Questura alla chiesa di Sant’Antonio. Arrivati da Roma Fico, Patuanelli, Lamorgese e Gabrielli. Assente il premier Conte

 

Un silenzio assordante, nonostante la folla oceanica, ha preceduto l'uscita dei feretri dalla Questura, poi la tensione si è rotta nel commosso applauso dei tanti triestini venuti a salutare Matteo e Pierluigi. Sconosciuti per molti fino a dieci giorni fa, ora proclamati a gran voce cittadini onorari dall'intero consiglio comunale e, all'evidenza, dalla  città intera.

Il corteo è partito questa mattina alle 11.15 sotto un sole torrido, poi i feretri hanno attraversato una città blindata e silente, nel percorso dalla camera ardente allestita in Questura alla chiesa di Sant'Antonio Nuovo. È qui che saranno celebrate le esequie e l'arcivescovo Giampaolo Crepaldi pronuncerà l'orazione funebre. Arrivata da Roma una rappresentanza dello Stato composta dal ministro dell'interno Luciana Lamorgese con il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli, il presidente della Camera Roberto Fico e il capo della Polizia Franco Gabrielli. Assente il premier Giuseppe Conte, che secondo alcune voci vicine al Ministero dell'interno sarebbe stato atteso in occasione del luttuoso evento. Molte le facce note, tra cui Ignazio Larussa.

Prima della partenza sono stati molti i cittadini  che hanno voluto rendere l'ultimo saluto ai due giovani davanti alla Questura e alcuni hanno onorato il lutto proclamato dal Sindaco con una bandiera italiana appesa alla finestra. Presenti, oltre al Sindaco, gli assessori e molti consiglieri comunali, oltre al presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga con membri della Giunta e del Consiglio regionale. 

Un fiume di persone in lutto ha seguito i carri funebri, preceduti  da moto e volanti della Polizia di Stato, lungo via del Teatro Romano, diretti verso piazza Sant'Antonio. Nel primo pomeriggio Pierluigi e Matteo  torneranno a casa, nei loro paesi d'origine, Pierluigi a Giugliano e Matteo a Velletri, dove avverrà l'inumazione.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TriestePrima è in caricamento