Biotossina nel golfo: vietate le cozze per un mese

Potrebbe provocare diarrea, nausea, vomito e quindi potenziale disidratazione. Il fenomeno è anche imputabile alle mutazioni causate da inquinamento. Il divieto comprende anche la commercializzazione e la conservazione

Sospesa per un mese nel Golfo di Trieste la raccolta delle cozze per la presenza di una biotossina. Come riportato da RAI FVG, la biotossina algale è stata rilevata in quantità tali (320 microgrammi per chilo) da comportare un rischio per la salute umana come diarrea, nausea, vomito e quindi potenziale disidratazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fenomeno dovuto anche all'inquinamento

Sarà quindi vietato non solo raccogliere ma anche commercializzare, trasformare, conservare e immettere al consumo dal territorio di Muggia fino ai confini occidentali del comune di Duino Aurisina. Il fenomeno della biotossina algale è da imputarsi principalmente alla progressiva diffusione di fitoplancton in nuove aree geografiche e le mutazioni causate da inquinamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

  • Come scegliere o cambiare il medico di base a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento