Denunciati dalla Polizia due irregolari

Uno di loro si trovava in un hotel di Domio, l'altro infastidiva gli operatori sanitari all'ospedale di Cattinara. Quest'ultimo aveva a suo carico un foglio di via dalla città, notificato dalla Polizia Locale

Due denunce effettuate dalla Polizia di Stato tra ieri e oggi, 4 gennaio 2019. Il primo, un cittadino turco, è stato deferito in stato di libertà per la sua presenza irregolare in Italia. Si tratta di T.A., di 29 anni, che stava alloggiando in un hotel di Domio quando è giunta alla sala operativa della Questura una segnalazione telematica delle autorità slovene relativa al suo rintraccio. La Squadra Volante si è recata sul posto e, dopo le formalità di rito, ha denunciato l’uomo che ha espresso la volontà di richiedere asilo politico.

Il secondo caso

Nel secondo caso ieri pomeriggio il personale della Squadra Volante ha rintracciato nell'ospedale di Cattinara il cittadino rumeno M.M., nato nel 1961, che stava infastidendo gli operatori sanitari. Dai controlli effettuati dagli operatori è emerso a suo carico un foglio di via dalla città notificatogli il 3 dicembre scorso dalla Polizia Locale, al quale non ha ottemperato. Motivo per il quale è stato denunciato.

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

Torna su
TriestePrima è in caricamento