Emergenza cinghiali, la Provincia convoca il "Tavolo verde"

In seguito al grave episodio avvenuto lunedì a Longera, il Vice Presidente della Provincia di Trieste, Igor Dolenc, sostiene che la priorità sia ora quella di riportare sotto controllo il numero di animali presenti sul territorio e di allontanarli dalle periferie urbane con un approccio coordinato e sistematico

Misure straordinarie per contenere l’emergenza cinghiali e un coordinamento multisettoriale che coinvolga tutti gli enti e i soggetti interessati. In seguito al grave episodio avvenuto lunedì a Trieste, il Vice Presidente della Provincia di Trieste, Igor Dolenc, sostiene che la priorità sia ora quella di riportare sotto controllo il numero di animali presenti sul territorio e di allontanarli dalle periferie urbane.

«Serve un intervento multisettoriale – afferma Dolenc – in attesa dell’approvazione del Piano faunistico regionale che dovrebbe aumentare la pressione venatoria sul fenomeno». La prima misura da adottare riguarda la pulizia delle zone boschive. I cinghiali infatti, prediligono gli ampi e fitti cespugli come i roveti, che utilizzano sia per le soste diurne che per la riproduzione. Un secondo obiettivo riguarda la gestione dei rifiuti urbani per evitare di attirare involontariamente gli animali ai centri abitati. In quest’ottica diviene fondamentale non offrire cibo ai cinghiali, un’abitudine pericolosa e ancora troppo diffusa anche a Trieste malgrado i ripetuti avvisi da parte delle guardie forestali e degli etologi. Come tutti gli animali selvatici i cinghiali infatti sono estremamente abili a procurarsi il cibo - si legge nella nota della Provincia di Trieste -. Alimentarli in prossimità delle case potrebbe aumentare ulteriormente il rischio di incidenti o di intrusioni indesiderate.

Poropat Dolenc«Nell’ambito delle nostre competenze – ha detto Dolenc – il primo passo sarà quello di convocare a breve un Tavolo verde ristretto con Enti locali, associazioni di proprietari terrieri, Usi civici, Comunelle e associazioni di categoria per verificare la disponibilità ad un approccio coordinato e sistematico del problema».

Per indicare alcune semplici regole comportamentali dell’uomo con gli animali selvatici la Provincia di Trieste ha recentemente realizzato una pubblicazione che ha lo scopo di garantire una maggior tutela sia delle persone che della fauna che vive sul territorio. Cinghiali, gabbiani e piccioni in città, che fare? questo il nome del dépliant illustrativo, è disponibile in versione cartacea presso la sede della Provincia di Trieste in piazza Vittorio Veneto 4, oppure si può scaricare dal sito della Provincia di Trieste www.provincia.trieste.it , nella sezione Agricoltura, Flora e Fauna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento