Minacce ed estorsioni al Mc Donald's: nei guai due minorenni

Ancora violenza e degrado in zona piazza Goldoni. Dopo aver minacciato un coetaneo dicendo di avere un coltello, i due lo hanno costretto a farsi consegnare il suo orologio da polso. Tempestivo l'intervento della Polizia

Minacce con coltello, violenza fisica, estorsione: azioni che vanno ben oltre il bullismo e le beghe tra adolescenti. Ancora una volta si parla di piazza Goldoni e del Mc Donald's, dove a inizio ottobre due minori hanno approfittato di un futile motivo per aggredire verbalmente uno studente coetaneo. Dopo essere inciampati sul piede del ragazzo che mangiava un panino all'interno del locale, i due hanno iniziato a infastidirlo finché un suo amico è intervenuto dicendo di non essere spaventato dai loro attacchi.

"Abbiamo un coltello"

Dopo alcune settimane si è riproposta la situazione: il ragazzo è stato nuovamente avvicinato dai due, che gli hanno intimato di seguirli in bagno. Qui uno dei “provocatori” ha rivelato di avere un coltello in tasca e ha poi costretto il malcapitato a confessare il nome del compare che lo aveva difeso nella prima occasione. Dopo aver ripetutamente preso a pugni la porta del bagno e dopo aver carpito il nome, per rimarcare la posizione dominante hanno chiesto “in prestito” all'aggredito l'orologio.

Degrado e violenza in piazza Goldoni: verso la nascita di un Comitato dei residenti

L'estorsione

Lo studente, pur di mettere fine alla situazione, si è sfilato l'oggetto dal polso e l'ha consegnato agli aguzzini che, per ribadire la loro posizione si sono offerti di dare protezione al ragazzo, in caso di eventuali litigi futuri. Superato lo shock iniziale, la giovane vittima, tornata a casa, ha raccontato i fatti e si è recato in Questura per sporgere denuncia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini e le denunce

Reazione immediata da parte degli uomini della Squadra Mobile della Questura i quali, grazie ai filmati acquisiti dalla sorveglianza e alla escussione di alcuni testi, hanno individuato la coppia di bulli denunciandoli alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Trieste. Nel corso della mattina del 5 novembre, la Squadra Mobile giuliana e la Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura dei minorenni di Trieste hanno effettuato la perquisizione personale e locale a carico dei due indagati, rinvenendo gli abiti indossati il giorno dei fatti e l’orologio sottratto il pomeriggio del 28 ottobre, poi restituito dalla Polizia al legittimo proprietario. Denunciati i due giovani per i reati di estorsione e violenza privata.

Nuova assemblea pubblica per scala dei Giganti, Polidori: "La zona è sotto controllo" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento