Fondazione CRTrieste dona un'auto al Centro sociale oncologico

La Fondazione CRTrieste ha consegnato oggi le chiavi del mezzo donato all'AAS1 che consentirà agli operatori del centro di effettuare le visite a domicilio dei malati seguiti dal Centro. Delcaro: «La Fondazione interviene sia attraverso la donazioni di strumentazioni e sia attraverso la donazione di un mezzo di trasporto»

Sono state consegnate questa mattina, presso il Centro di Formazione Aziendale dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 1 “Triestina” di via Guglielmo de Pastrovich 3, le chiavi dell’auto, una Fiat Panda, donata dalla Fondazione CRTrieste al Centro Sociale Oncologico della Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 1 Triestina. Alla cerimonia hanno partecipato il prof. Lucio Delcaro Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione CRTrieste, insieme al Commissario Straordinario di AAS1 Nicola Delli Quadri, al Direttore Sanitario Emanuela Fragiacomo e al Direttore del Centro Sociale Oncologico Rita Ceccherini.

La donazione dell'autovettura consentirà al Cso Cure Palliative di Trieste di continuare a svolgere in maggiore sicurezza gli interventi a domicilio a favore delle persone seguite dal Centro. Nonostante oggi, grazie alla diagnosi precoce ed ai progressi nelle terapie, sempre più persone affette da tumore guariscano definitivamente, in circa un terzo dei casi già alla diagnosi è presente una malattia in fase avanzata.

«Le cure palliative, intese come contenere i sintomi e gestire meglio la malattia, sono una modalità assistenziale tipicamente territoriale e l’organizzazione in questo particolare ambito è sempre stata una priorità per AAS1: - ha detto il Commissario Straordinario Nicola Delli Quadri - sono funzionalmente integrati a questo scopo varie strutture aziendali oltre ai Servizi Sociali comunali, ai Medici di medicina Generale e della Continuità Assistenziale e alle associazioni di Volontariato».

«Presso il Centro Sociale Oncologico è attivo il Nucleo Specialistico delle Cure Palliative ambulatoriali e domiciliare» spiega Rita Ceccherini, Direttore della Struttura Complessa Centro Sociale Oncologico. «Il benessere sociale, obiettivo sotteso a ogni intervento della Fondazione CRTrieste, si concretizza attraverso un articolato programma nel quale il settore sanitario occupa una posizione di speciale rilievo. Senza voler operare una diretta sostituzione nei compiti dell'Ente pubblico, la Fondazione interviene sia attraverso la donazioni di strumentazioni e sia, come in questo caso, attraverso la donazione di un mezzo di trasporto, fondamentale per lo svolgimento in sicurezza del servizio domiciliare del CSO Cure Palliative» ha sottolineato Lucio Delcaro, Vicepresidente del CdA della Fondazione nel consegnare le chiavi del mezzo.

Potrebbe interessarti

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

  • Gli effetti benefici dell'anguria, il frutto più atteso dell’estate

  • Requisiti Reddito di cittadinanza, come fare domanda e quali regole rispettare

I più letti della settimana

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Svizzera-Trieste: autista abbandona pullman con 55 bambini all'autogrill per andare a Jesolo

  • Avvistato squalo volpe nelle acque del golfo di Trieste

  • Carico da oltre 9 tonnellate rovina addosso ad una macchina, illesi gli automobilisti

  • Trauma cranico dopo un tuffo in Val Rosandra: soccorso un 17enne

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

Torna su
TriestePrima è in caricamento