Furto di farmaci al Maggiore, scoperto traffico illecito: arresti e perquisizioni a Napoli e Cremona

Secondo quanto rivelano le indagini, i malviventi commissionavano furti di farmaci salvavita da inviare all’estero. Grazie alla Polizia e i Carabinieri sono state individuate le autovetture utilizzate in occasione di uno dei furti e alcune utenze di servizio utilizzate nell’occasione dai colpevoli

Nella giornata odierna, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura e del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Trieste, nell’ambito dell’indagine relativa ai furti di farmaci antitumorali avvenuti all’interno dell’Ospedale Maggiore nel febbraio e nel giugno scorsi, hanno dato esecuzione a decreti di perquisizione nelle città di Napoli e Cremona.

L’attività odierna è stata svolta parallelamente alla esecuzione di ordinanza applicativa della custodia cautelare a carico di diversi indagati, emessa dal G.I.P. di Cremona a conclusione di indagine svolta dal NAS dei Carabinieri di quel centro in relazione a fatti analoghi ma antecedenti rispetto a quelli commessi a Trieste. I due filoni investigativi hanno, infatti, consentito di verificare come alcuni indagati, che sono emersi in entrambe le indagini, siano sospettati di commissionare furti di farmaci salvavita, da inviare poi all’estero. In merito ai furti commessi a Trieste, si rammenta che il 13 febbraio sono stati asportati dalla Farmacia dell’Ospedale Maggiore farmaci ematologici e chemioterapici per un valore complessivo di oltre 400 mila euro, mentre il 26 giugno i farmaci asportati risultavano avere un valore di circa 300 mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini avviate dalla locale della Procura e svolte dalla Polizia e dai Carabinieri hanno permesso, nel corso di questi mesi, di individuare le autovetture utilizzate in occasione di uno dei furti, alcune utenze di servizio utilizzate nell’occasione dai malfattori e, infine, di raccogliere elementi a carico di alcuni soggetti egiziani ed italiani, residenti in Provincia di Cremona, in Campania ed in Lombardia dediti ai furti ed alla ricettazione di tale tipologia di farmaci. Prosegue l’attività investigativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento