Giorno della Memoria: le iniziative a Grado

Iniziative rivolte alla comunità. Appuntamenti sabato 26 e lunedì 28 gennaio. Il sindaco di Grado Sara Polo: "Bisogna imparare dagli errori del passato"

Anche Grado si appresta a celebrare il Giorno della Memoria con alcune iniziative rivolte alla comunità. Primo appuntamento sabato 26 gennaio con inizio presso la Sala Consiliare del Municipio, in Piazza Biagio Marin n.4, con i saluti delle autorità (interverranno il Sindaco Raugna e l’assessore alla Cultura Sara Polo). A seguire verrà deposta una corona d’alloro ai Giardini Oransz, intitolati proprio a memoria dei coniugi Sofia e Maurizio, che in quanto ebrei furono deportati nel 1943 dai nazisti e internati ad Auschwitz, dove morirono.

Lunedì 28 gennaio alle ore 11:00 presso l’Auditorium Biagio Marin invece avrà luogo uno spettacolo teatrale dedicato alle scuole, in particolare agli studenti dell’I.s.i.s. Pertini - scuola alberghiera di Grado (saranno presenti 70 alunni con i loro insegnanti), dal titolo “Dal campo di calcio ad Auschwitz" - Storia di un allenatore ebreo e della sua famiglia”, incentrato sulla figura di Arpad Weisz.

“Dal campo di calcio ad Auschwitz"

Weisz è stato un buon giocatore di calcio, e uno dei più grandi allenatori. Nel 1938 “il miglior mister che c’è in circolazione” è conteso dalle squadre più titolate del campionato italiano. Il suo Bologna quell’anno è primo in classifica, ma Arpad, ebreo ungherese, in seguito alla promulgazione delle leggi razziali, deve lasciare insieme a tutta la famiglia il lavoro e l’Italia. Poco dopo viene però raggiunto, e la sua famiglia divisa. La moglie e i figli vengono deportati ad Auschwitz dove troveranno la morte nelle camere a gas di Birkenau, mentre Arpad viene assegnato ad un campo di lavoro dell’Alta Slesia. Rimane in vita per altri quindici mesi, fino a trovare la morte, per freddo e per fame, ad Auschwitz. Il racconto teatrale è scritto e interpretato da Davide Giandrini. Al pianoforte Giovanni Rosina.

Il sindaco: "Occasioni di rifessione per gli studenti"

Dichiara l’assessore alla cultura del Comune di Grado Sara Polo: “Ogni anno proponiamo occasioni di riflessione per gli studenti delle scuole di Grado. Lo scorso anno abbiamo proposto uno spettacolo teatrale sul tema delle Foibe per la Giornata del Ricordo e, visto l'alto gradimento da parte di insegnanti e alunni, abbiamo deciso di proporre un nuovo spettacolo, stavolta incentrato sul Giorno della Memoria. Bisogna imparare dagli errori del passato: solo così potremo aspirare a un futuro migliore, formato da nuove generazioni consapevoli ed educate al rispetto nei confronti del prossimo. Inoltre, siamo già all’opera per predisporre la sistemazione di alcune pietre d’inciampo che inaugureremo in occasione del Giorno della Memoria del 2020”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Brutto incidente in via Costalunga, un ferito

  • Uccise Nadia Orlando: si suicida dopo la condanna a 30 anni

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

Torna su
TriestePrima è in caricamento