Schianto tra auto e moto in strada di Cattinara: centauro all'ospedale

L'incidente è avvenuto all'altezza di via carnaro. La Polizia Locale ha effettuato i rilievi e si è occupata della viabilità, mentre i Vigili del fuoco si sono recati sul posto per detergere del liquido versato sull'asfalto in seguito all'impatto

Un incidente frontale che ha coinvolto un'auto e una moto si è verificato stamattina, martedì 10 settembre, intorno alle 8.15 in strada per Cattinara all'altezza dell'ippodromo. Intervenuti gli operatori del 118, che hanno portato il centauro 31enne al pronto soccorso di Cattinara in codice giallo. Alla guida dell'auto, una Hyundai Atos, una donna di 32 anni, che nell'affrontare una curva a destra ha perso il controllo del veicolo invadendo la carreggiata opposta dove era in arrivo la moto nel senso opposto, una Honda CBS.  La Polizia Locale ha effettuato i rilievi e si è occupata della viabilità, mentre i Vigili del fuoco si sono recati sul posto per detergere del liquido versato sull'asfalto in seguito all'impatto. il traffico ne ha lievemente risentito perché per circa mezzora è stata chiusa la strada in entrambi i sensi di marcia, poi è stato interrotto solo il senso in salita.

Incidente con auto ribaltata a Opicina: donna di 26 anni all'ospedale

Altri interventi

Nella stessa mattinata la Polizia Locale è stata impegnata nel rilevare un investimento in viale D'Annunzio e, di mattina presto intorno alle 7, è intervenuta anche sulla strada Costiera per la caduta accidentale di una donna di 50 anni, sul marciapiede all'altezza dell'Hotel Riviera. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque metodi naturali per un piano cottura brillante

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

Torna su
TriestePrima è in caricamento