Linda Bonanno, la paladina della lotta contro i tumori a New York è triestina

Vive a New York, dove è la paladina della campagna "got checked", tra i più grandi movimenti che diffondono l’importanza della prevenzione nel campo dei tumori. Ieri 28 giugno è stata ricevuta in Municipio dal sindaco Roberto Dipiazza e dagli assessori Brandi e De Santis

E’ tornata nella sua Trieste dopo vent’anni di assenza, per riabbracciare amici e parenti e per far conoscere la sua missione negli Stati Uniti. Linda Bonanno, triestina, vive a New York, dove è la paladina della campagna "got checked", tra i più grandi movimenti che diffondono l’importanza della prevenzione nel campo dei tumori. Il 28 giugno è stata ricevuta in Municipio, ha incontrato associazioni del territorio in piazza Unità d’Italia e ha donato alcuni libri alla Scuola Internazionale di Trieste. 

Il tumore e la lotta per sconfiggerlo

Alla spalle una carriera da modella in diverse città del mondo, Linda si è trasferita poi nella Grande Mela, dove si è sposata e ha avuto due figli. Qualche anno fa la scoperta di un tumore al seno, particolarmente aggressivo, che ha combattuto con una lunga e dolorosa battaglia, dopo un difficile percorso segnato da terapie e tanti interventi chirurgici. Dopo la guarigione il suo principale impegno è diventata una charity che mette al primo posto la prevenzione, portando ogni giorno nelle scuole, negli eventi, nei campi sportivi e in tante iniziative, messaggi sull'importanza della salute e, appunto, della prevenzione. Di recente è stata anche la promotrice di una legge, passata in senato, per abbassare l’età della mammografica. Ogni giorno incontra bambini, ragazzi e le comunità di New York, dove la sua campagna punta a raggiungere quante più persone possibili, di tutte le età. 

Fondatrice di una casa discografica

E’ anche fondatrice di una piccola casa discografica, che realizza canzoni a cura di giovani dei vari quartieri di NY, il cui talento viene valorizzato. Supporta anche una squadra di ragazzi di lacrosse, sport molto amato e seguito oltreoceano, e un team di basket. Ha poi realizzato tre libri, dedicati alla prevenzione, indirizzati ai bambini, ai ragazzi e agli adulti. Per i più piccoli il messaggio viene veicolato attraverso Litty, una bambola alter ego di Linda Bonanno, che ricorda a tutti l’ importanza dell’ alimentazione, del movimento fisico e delle buone prassi in generale, per il benessere fisico. 

Ieri ha raccontato la sua storia e il suo impegno alle donne della giunta comunale e alla Commissione Pari Opportunità, che l’hanno accolta in Municipio. A tutte ha donato gadget e t-shirt del brand, distribuiti poi anche in piazza Unità d’Italia, dove ha incontrato una rappresentanza della Lilt. In mattinata invece ha donato alla biblioteca della Scuola Internazionale di Opicina i libri sulla prevenzione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento