Maltempo, Bolzonello: «Raccolte le segnalazioni dei danni da privati e imprese per un quadro generale della calamità»

«Davvero un colpo duro e inatteso al sistema produttivo regionale, in particolare per piccole-medie imprese e comparto agricolo»

«Ci siamo attivati per avere un quadro complessivo dei danni subiti dal territorio quanto prima possibile in quanto, al massimo entro i prossimi quindici giorni, dobbiamo avere una cifra abbastanza precisa».
Lo ha affermato il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, il quale ha invitato «tutta la popolazione a rivolgersi ai propri Comuni, autorizzati a raccogliere le segnalazioni dei danni da tutti i cittadini e, in particolare, dalle imprese e dalle aziende agricole».
«Successivamente i Comuni faranno pervenire tutta la documentazione alla Protezione civile regionale, la quale - ha continuato Bolzonello - si farà carico di costruire il quadro complessivo di tutta la calamità. Sulla base dell'analisi dello scenario generale saranno fatte le valutazioni per capire come agire, su quali canali e in quale modo più appropriato».

Ricordando che la presidente della Regione ha già chiesto al Governo la decretazione dello stato di calamità nazionale, indicando sommariamente una cifra di circa 100 milioni di euro come ammontare complessivo dei danni, Bolzonello si è augurato che «possano essere di meno anche se, solo per fare due esempi, va tenuto presente che un comune come San Vito al Tagliamento ha subito danni per circa 10 milioni di euro così come quello di Codroipo».
«Il sistema produttivo regionale, in primis le pmi e il comparto agricolo, sono la spina dorsale dell'economia regionale - ha concluso il vicepresidente Fvg - e, proprio mentre comincia una fase di ripresa, è arrivato questo colpo davvero duro quanto inatteso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento