Area ex Aquila Muggia, Marzi: "Grande valenza strategica"

"Sarà fondamentale che Muggia sia coinvolta nel confronto decisionale con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e gli altri Enti coinvolti, affinché sia parte integrante di quelle scelte che coinvolgeranno tutto il territorio, ma la nostra Muggia in primis"

"Abbiamo sempre creduto nella rinascita dell’area ex Aquila, in questa come nell’amministrazione precedente, sostenendo tutte le intese del Piano del porto affinché questo progetto potesse andare avanti. Ho sempre caldeggiato, da sindaco oggi e da vicesindaco prima, il progetto secondo il quale quell’area degradata oggi dismessa inserita nel Sito inquinato di interesse nazionale, debba essere recuperata ad usi industriali e portuali". Lo ha dichiarato il sindaco di Muggia Laura Marzi sulla sua pagina Facebook.

"Sarà pertanto fondamentale che Muggia  - aggiunge Marzi - sia coinvolta nel confronto decisionale con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e gli altri Enti coinvolti, affinché sia parte integrante di quelle scelte che coinvolgeranno tutto il territorio, ma la nostra Muggia in primis. Non possiamo sottovalutare, infatti che ciò prevede un intervento piuttosto significativo anche sulla viabilità di Aquilinia: nessun aggravio di traffico può essere pensato su quell’area della nostra città, né tanto meno sulla zona delle Noghere che, con i già previsti insediamenti, potrebbe altrimenti trovarsi a dover affrontare delle criticità".

Sviluppo del Porto

"Quell’area ha una grande valenza strategica per tutto il territorio, un potenziale che non può che trovare espressione se non in un'azione di sviluppo economico che non coinvolgerà solo Muggia, ma anche il futuro di tutte le attività legate allo sviluppo del Porto. Non possiamo, quindi, che condividere la soddisfazione dell’avanzamento di questa progettualità di hub portuale del governo ungherese, ben consci, al contempo, del fatto che quest’importante progetto ha dinnanzi a sé ancora un percorso fatto di diversi steps da superare come i terreni da bonificare, gli Accordi di programma da rifare, ecc".

"In questo iter, il Comune di Muggia continuerà a garantire, come è sempre accaduto sino ad ora, la propria disponibilità per la realizzazione di un progetto la cui importanza è unanimemente riconosciuta e che comporta la bonifica di un’area in cui sarebbe, peraltro, altrimenti davvero difficile un risanamento ambientale" conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento