Malore fatale per un operaio nel cantiere di via San Michele

L'uomo ha avuto una crisi convulsiva e in ambulanza ha avuto un arresto cardiaco. Nonostante il lavoro prolungato degli operatori del 118, anche una volta arrivato in pronto soccorso il suo cuore non è mai ripartito

Tragedia nel cantiere di via San Michele: un operaio di 38 anni e di nazionlità rumena si è sentito male e nonostante l'intervento del personale del 118 è deceduto in ospedale. È successo intorno alle 8 del mattino di oggi, martedì 13 agosto. Mentre lavorava insieme ai colleghi sulla strada, l'uomo ha avuto una crisi convulsiva e sono stati chiamati immediatamente i soccorsi. È stato quindi caricato sull'ambulanza (l'automedica era impegnata in un altro intervento in codice rosso e non è riuscita ad arrivare), dove è stato colpito da un arresto cardiaco improvviso. Rianimato tempestivamente secondo tutte le procedure è stato portato all'ospedale di Cattinara in codice rosso. Nonostante gli strenui sforzi del personale sanitario, proseguiti anche in pronto soccorso, il cuore non ha mai ripreso a battere.

Come confermato da più fonti, l'operaio aveva iniziato il turno da circa mezzora, il giorno prima aveva riposato ed era in possesso di regolari certificazioni sanitarie che attestavano uno stato di salute idoneo al lavoro. Il cantiere rimarrà ora chiuso per qualche giorno in segno di rispetto e per far riposare i colleghi testimoni del tragico evento.

Malore fatale alla guida sull'A23

Malore a porto San Rocco: 82enne soccorso dal 118

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • "Liberata dall'occupazione jugoslava nel '54", Jerry Scotti fa confusione sulla storia di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento