Razzismo, Paglia (PD): "Due giovani cacciati da un locale per il colore della pelle"

"Trieste al primo posto per eventi di razzismo e discriminazioni e primato per aver sconfitto randagismo e abbandono dei cani. Razzismo verso gli umani, umanità verso gli animali: incomprensibile come due estremi convivano nello stesso territorio"

Cacciati da un locale per il colore della pelle: è quanto sarebbe successo a due giovani a Muggia secondo la testimonianza della consigiera circoscrizionale del PD Maria Luisa Paglia: "La settimana scorsa presso un bar di Muggia in piazza Marconi, due ragazzi che effettuano volontariato presso un’associazione locale, entrati per un caffè, sono stati aggrediti verbalmente e cacciati dai dipendenti del locale, solo per il colore della loro pelle. Molti clienti e anche forze dell’ordine sono intervenuti in loro soccorso".

Due nuovi primati per Trieste

"Trieste - continua Paglia - è balzata agli onori della stampa nazionale in pochi giorni. Al primo posto per eventi di razzismo e discriminazioni (solo di quelli denunciati…) e primato per aver sconfitto randagismo e abbandono dei cani. Felice per il secondo primato, ma incomprensibile come due estremi simili possano convivere nello stesso territorio. Mi è capitato di notare al supermercato generosi pensionati che pur di acquistare prelibatezze per i loro animali domestici, risparmiano sulla loro spesa alimentare, gli stessi che poi vogliono porti e confini chiusi, sapendo che in tal modo si lasciano morire esseri umani. Ma questo la dice lunga sugli amanti degli animali del nostro territorio".

"Propaganda contro falsi nemici"

Secondo la consigliera dem "l'episodio di Muggia mette in luce il fatto che c’è una evidente dipendenza succube da certa propaganda che sta deliberatamente creando dei falsi nemici. Chi ha offeso i ragazzi, è a conoscenza che il razzismo è un reato? Dovremo forse vedere avvisi tipo “ Vietato l’ingresso ai neri ma non ai cani”?"

Il cambiamento

"Come invertire questo processo? - si chiede Paglia - La società civile può guidare il cambiamento, quello vero.Le associazioni di volontariato, quelle sportive, sindacali, le comunità religiose, la scuola, la cultura, hanno la responsabilità e la possibilità di  mettere in atto buone pratiche di informazione, di conoscenza della storia, della realtà. Le leggi di solito sono state emanate come conseguenza di costumi e abitudini già evoluti; se i cittadini costituiranno opinione maggioritaria, saranno loro a dettare l’agenda politica, i governanti allora dovranno occuparsi dei problemi veri e non di quelli inventati. In tal modo solo i capaci governeranno, quelli che possiedono esclusivamente la competenza di creare fake news torneranno nel mondo dei social".

Nazismo e deportazioni

"Non dimentichiamo - conclude l'esponente del PD - che dietro il nazismo e le deportazioni c’era solo il razzismo e l’indifferenza e, per il futuro dei nostri figli, anche i giornalisti farebbero bene a rinunciare a qualche pezzo di audience, concorrendo ad evitare che le generazioni future rivivano alcuni tristi momenti che adesso commemorano nel Giorno della Memoria".

Razzismo sulla 29, sputi e provocazioni a due giovani donne

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento