Rifiuti: petizione e protesta in piazza per rivedere le regole sulla differenziata a Muggia

Il provvedimento, deciso dall'amministrazione comunale, ha suscitato molte perplessità e proteste, soprattutto sul numero e le dimensioni dei bidoncini

Foto: Fareambiente

Centinaia di muggesani alla manifestazione di ieri mattina, 17 febbraio, in piazza Marconi, organizzata per dibattere sulle modalità della differenziata porta a porta. Come spiega un servizio di Telequattro, il provvedimento, deciso dall'amministrazione comunale, ha suscitato molte perplessità e proteste, soprattutto sul numero e le dimensioni dei bidoncini che a società Net, incaricata del servizio, ha distribuito nelle case dei cittadini. Presente a poca distanza dal luogo della manifestazione la raccolta di firme a cura del comitato "Muggia sicura" per una petizione che chiede la revisione delle modalità di raccolta e la sospensione della distribuzione dei contenitori.

Giuliana Corica, del comitato Muggia sicura, afferma di essere «d'accordo con la differenziata, perché vogliamo una Muggia sicura e pulita, però i cittadini devono essere informati ed educati, poi si troveranno delle soluzioni assieme, Giunta, sindaco e cittadini. Finora abbiamo avuto solo incontri che sono stati delle lezioni frontali, ci è stato detto cosa fare senza la possibilità di uno scambio. Quando i cittadini hanno fatto delle domande non hanno ricevuto alcuna risposta». La petizione chiede inoltre il mantenimento delle cosiddette "isole ecologiche" per venire incontro alle esigenze della popolazione più anziana. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

Torna su
TriestePrima è in caricamento