Il Sap "furioso" contro la chiusura della squadra nautica di Duino

Il Sindacato Autonomo di Polizia nella persona del suo segretario provinciale Lorenzo Tamaro critico nei confronti della scelta di chiudere la Squadra Nautica di Duino-Aurisina/Devin Nabrezina. "Arretramento della sicurezza sul territorio"

Un'immagine del castello di Duino

Riceviamo dal Sindacato Autonomo di Polizia e pubblichiamo integralmente

Le politiche nefaste in termini di sicurezza degli anni passati, produce anche in questi giorni prettamente estivi i suoi danni: chiusa la Squadra Nautica di Duino Aurisina.

Una chiusura questa e un “ridimensionamento”, quello delle squadre nautiche, decise su scala nazionale negli anni scorsi e fortemente osteggiato dal SAP in considerazione anche del fatto che gli interventi da parte di questa specialità non siano mai mancati e siano specialistici, rappresentando in alcune zone del territorio nazionale l’unica presenza dei tutori dell’ordine.

Un modo, quello della chiusura della Squadra Nautica di Duino Aurisna, per consentire di recuperare un “pugno” di uomini al fine di dare un po’ di sollievo, davvero minimo ed impercettibile ai commissariati, in continuo ed ormai cronico affanno.

La situazione è tale che molto spesso è difficile perfino garantire il controllo del territorio con la “volante” del Commissariato.

Infatti sempre più spesso ciò avviene solo grazie alla disponibilità da parte degli operatori di polizia ad effettuare il lavoro “straordinario”, peraltro retribuito in maniera ignobile.

Sembra paradossale quindi leggere sulla stampa che sono stati potenziati i controlli a mare, vedere le immagini delle bellissime, scenografiche e sicuramente ad effetto evoluzioni delle moto d’acqua della Polizia di Stato, mentre proprio questi giorni si è messo in scena l’atto della concreta chiusura di quello che soprattutto in estate era un vero e proprio punto di riferimento dei numerosi utenti che affollano le spiagge e il mare di quella parte così importante della nostra provincia.

Come poi non ricordare anche le funzioni di Polizia di Frontiera che la  Squadra Nautica di Duino Aurisina svolgeva: stessa sorte, accaduta a quella di Muggia molti anni orsono.

Continuano ancora quindi gli effetti di una politica dei tagli e delle “razionalizzazioni” che costituiscono di fatto un arretramento della sicurezza sul territorio che si tenta di arginare con degli annunci ad effetto e magari giustificandolo asserendo che erano “inutili sovrapposizioni”.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento