Ruba la carità in Chiesa, arrestato dai Carabinieri

La refurtiva è stata recuperata e riconsegnata alla Parrocchia subito dopo l'arresto

Nella giornata di mercoledì 30 marzo 2016, i Carabinieri delle Stazione CC di via dell’Istria e di Scorcola hanno arrestato, in flagranza di reato, un cittadino bulgaro di 47 anni, S.D., con precedenti di polizia, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato.

L’uomo è stato fermato dai Carabinieri mentre tentava di allontanarsi dalla parrocchia SS. Ermacora e Fortunato, in piazza Tra i Rivi di Roiano, dopo essere stato sorpreso dal Parroco a trafugare le monete nelle cassette per l’elemosina poste all’interno della chiesa. L’ingegnoso ladro aveva utilizzato una rotella metrica di alluminio con del nastro biadesivo che, una volta infilato nella cassetta delle elemosine, gli ha consentito di asportare le monete e le banconote contenute all’interno.

La refurtiva è stata recuperata e riconsegnata alla Parrocchia subito dopo l’arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bulgaro, portato presso gli uffici dell’Arma in via dell’Istria, è stato trattenuto presso le locali camere di sicurezza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento