Spari a Portorose: la Polizia segue la pista del regolamento di conti

Due giovani arrestati dagli agenti davanti l'ospedale di Isola

La Polizia slovena mantiene il massimo riserbo sui fatti avvenuti nella serata di sabato, intorno alle 19.30, lungo la spiaggia di Portorose. Un uomo di 38 anni, sloveno, è stato ferito gravemente e lotta tra la vita e morte all'ospedale di Lubiana a causa dei proiettili di pistola che lo hanno colpito. Nel panico e fuggi fuggi generale l'assalitore ha fatto perdere le proprie tracce.

La Polizia aveva da subito avviato le indagini sul tentato omicidio e istituito dei posti di blocco: la pista seguita dagli inquirenti è stata quella del regolamento di conti tra soggetti appartenenti al crimine organizzato. Proprio ieri pomeriggio, domenica 22 aprile, gli agenti hanno fermato due giovani in una Bmw targata Lubiana nel piazzale di sosta davanti all'ospedale di Isola, - a quanto pare - direttamente collegati alla viceda di Portorose. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come detto la Polizia mantiene il massimo riserbo, ma secondo alcune indiscrezioni il fatto potrebbe ricollegarsi al controllo dello spaccio di droga lungo il litorale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento