Spari a Portorose: la Polizia segue la pista del regolamento di conti

Due giovani arrestati dagli agenti davanti l'ospedale di Isola

La Polizia slovena mantiene il massimo riserbo sui fatti avvenuti nella serata di sabato, intorno alle 19.30, lungo la spiaggia di Portorose. Un uomo di 38 anni, sloveno, è stato ferito gravemente e lotta tra la vita e morte all'ospedale di Lubiana a causa dei proiettili di pistola che lo hanno colpito. Nel panico e fuggi fuggi generale l'assalitore ha fatto perdere le proprie tracce.

La Polizia aveva da subito avviato le indagini sul tentato omicidio e istituito dei posti di blocco: la pista seguita dagli inquirenti è stata quella del regolamento di conti tra soggetti appartenenti al crimine organizzato. Proprio ieri pomeriggio, domenica 22 aprile, gli agenti hanno fermato due giovani in una Bmw targata Lubiana nel piazzale di sosta davanti all'ospedale di Isola, - a quanto pare - direttamente collegati alla viceda di Portorose. 

Come detto la Polizia mantiene il massimo riserbo, ma secondo alcune indiscrezioni il fatto potrebbe ricollegarsi al controllo dello spaccio di droga lungo il litorale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La Barcolana presenta l'edizione 2019 e fissa il "tetto" delle 2700 barche

  • Sport

    Niente da fare per Cavaliero e compagni, Cremona va sul 2 a 0

  • Politica

    "Torna nel meridione!" consigliere leghista contro esponente dem in V circoscrizione

  • Cronaca

    Tamponamento in A4: un ferito

I più letti della settimana

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Vivono in 35 metri quadri dopo aver perso tutto, la storia di una famiglia a Opicina

  • Sequestra una donna al settimo mese di gravidanza: arrestato

  • Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le città dove si muore di più

  • Elezioni comunali 2019, come si vota: la guida completa

Torna su
TriestePrima è in caricamento