Stragi Nuova Zelanda: il killer è stato in Croazia

Il 28enne australiano Brenton Tarrant, che ha ucciso 49 persone in due moschee di Christchurch, ha viaggiato per anni esplorando città un tempo scenari di battaglie tra cristiani e ottomani. Molte le tappe nell'area balcanica. Il giorno dell'udienza, davanti alle telecamere, Tarrant ha fatto il saluto dei suprematisti bianchi

È stato in Croazia Brenton Tarrant, il 28enne australiano che venerdì ha ucciso 49 persone in due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. Come riporta "La voce del Popolo" è successo nel 2016, a renderlo noto sono stati i servizi segreti della Bulgaria. Obiettivo dell'indagine in corso è capire quali siano stati i contatti stretti da Tarrant durante il suo lungo viaggio, che lo ha portato a visitare città un tempo scenario di battaglie tra cristiani e ottomani, ricordate poi dalle scritte sui fucili usati nell’attentato.  Il quotidiano The Independent, citando fonti nell'Intelligence, ha riportato la notizia che Tarrant, in Europa, avrebbe stretto contatti con alcuni estremisti xenofobi.

Il viaggio di Tarrant 

Il novembre scorso Tarrant ha trascorso un periodo in Bulgaria per poi arrivare in Romania e Ungheria. I servizi segreti bulgari hanno confermato che il killer australiano, nel dicembre del 2016, si è recato in Croazia, Serbia, Bosnia ed Erzegovina e Montenegro. 

Il saluto dei suprematisti bianchi

Secondo procuratore di Stato bulgaro, Sotir Cacarev, non sussistono ancora elementi che potrebbero far pensare ad attività collegabili al terrorismo durante il suo viaggio in Europa. Ieri, 16 marzo, si è tenuta la prima udienza in Tribunale per Brenton Harrison Tarrant, che è stato rinviato in custodia cautelare. Poco dopo l’ingresso in aula, l’uomo ha fatto il saluto dei suprematisti bianchi, unendo pollice e indice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento