"Trieste Estate 2017", Rossi: «Grandi numeri: 68.500 spettatori e 196 spettacoli con 488.000 euro»

Grande successo per il “contenitore”, che comprende TriesteLovesJazz, Maremetraggio ShortTS International Film e Trieste Summer Rock Festival

Con un'ampia disamina di dati e risultanze, pareri e raffronti, ma anche presentazione di nuove proposte e prospettive di “rilettura” di alcune scelte fin qui effettuate, l'Assessore comunale alla Cultura Giorgio Rossi ha voluto, con una conferenza stampa svolta oggi in Municipio, tracciare un puntuale bilancio consuntivo delle attività culturali promosse dall'Amministrazione cittadina nell'appena trascorsa estate 2017, con particolare riferimento alla rassegna Trieste Estate – nelle sue principali sedi “deputate” di piazza Verdi e del Castello di San Giusto (e del Polo “Toti” per quanto concerne le attività giovanili).

A presenziare e integrare questo “punto” di quanto fatto sono intervenuti la direttrice del Servizio Promozione e Progetti Culturali del Comune Francesca Locci, la funzionaria responsabile per i progetti giovanili Donatella Rocco, il responsabile del Museo Sveviano/Joyciano Riccardo Cepach, il direttore artistico di “Trieste Estate” Gabriele Centis con il responsabile per gli spettacoli teatrali Lino Marrazzo, il curatore del recente evento con l'artista di street art Eron Paolo Cavallini, nonché la presidente della  Commissione consiliare per la Cultura e le Politiche giovanili Manuela Declich e il consigliere comunale Piero Camber.

L'Assessore ha innanzitutto “salutato” il nuovo e ancor più ampio successo dell'edizione 2017 di “Trieste Estate”. Un grande e diversificato “contenitore”, che comprende le rassegne “TriesteLovesJazz", “Maremetraggio ShortTS International Film”“Trieste Summer Rock Festival”, «oltre a mobilitare e coinvolgere – come ha sottolineato con soddisfazione Rossiaccanto alle realtà maggiori e più strutturate, centinaia di associazioni e gruppi artistici e culturali cittadini “minori”, offrendo così un prodotto davvero variegato, multiforme e genuino delle potenzialità e dell'”humus” culturale autentico della nostra città».

«Abbiamo potuto vedere risultati che sono stati davvero grandi - spiega Rossi -, in tutte le sedi e per tutte le diverse tipologie di iniziative che il Comune ha organizzato e/o supportato: dai numeri sempre altissimi dell'ormai consolidata 'sede' di piazza Verdi (dove, dalla musica fino al cinema, si sono svolti ben 39 spettacoli, con un totale di circa 31.600 spettatori, più i 2.000 del solo “Concerto all'Alba” sul Molo Audace), fino al grande successo del rilancio – anche nell'intento della sua riscoperta come sito turistico e culturale – degli spettacoli al Castello di San Giusto, uno specifico obiettivo di questa Amministrazione, subito 'premiato' con l'afflusso di 11.400 spettatori ai 45 spettacoli organizzati al Bastione Rotondo e altri 18.800 ai 31 spettacoli messi in scena nel piazzale delle Milizie»

«Un altro 'punto di forza' e di vanto dell'Amministrazione - prosegue l'assessore -, i più che ottimi risultati, in ambito giovanile, della rassegna “parallela” di “Trieste Estate Giovani”, organizzata dal “PAG – Progetto Area Giovani” e svoltasi essenzialmente al Polo Giovani “Toti”, anch'esso come noto di base a San Giusto, che ha visto la realizzazione di ben 81 spettacoli, con 4.700 giovani spettatori e, dato questo forse ancor più significativo e interessante, con l'”accreditamento” presso il Comune di ben 50 associazioni giovanili cittadine che hanno poi presentato e sviluppato le loro proposte e performances artistiche. Ed è forse questo – ha ribadito – il vero e più forte successo di quest'estate! Oltre a rappresentare un ulteriore rilevante contributo per rilanciare, anche in questo senso, il nostro Colle Capitolino come vasto 'polo' culturale».

«Il risultato complessivo di questa 'multiforme' e sfaccettata attività estiva - conclude Rossi - si è tradotto dunque, sulle diverse 'piazze' di “Trieste Estate 2017” in un totale di 196 spettacoli, con la presenza di 68.500 spettatori e un costo di 488.000 Euro. Un'esperienza più che positiva e che sarà perciò senz'altro ripetuta e, se possibile, ancora ampliata, nel 2018». 
L'assessore ha anche anticipato il prossimo grande e ambizioso impegno che attende il Comune in questo campo, ovvero l'organizzazione del nuovo “polo culturale museale” in Porto Vecchio, dando quindi appuntamento nell'Antico Scalo anche per trasferirvi una parte di “Trieste Estate 2018”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Acqua alta sulle rive e piazza Unità, allagamenti anche a Muggia e Grado (FOTO)

  • I metodi fai da te per pulire i tappeti in modo efficiente

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

Torna su
TriestePrima è in caricamento