Turista italiano muore in Dalmazia, due bambini in gravi condizioni

L'uomo è stato trovato morto a bordo di una barca. Altre quattro persone si sono sentite male e sono state ricoverate all'ospedale di Spalato. Gravi due bambini. Tra le ipotesi avvelenamento da cibo o intossicazione da gas di scarico

Lesina (Hvar) - Foto Vid Pogacnik - e Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.

Aggiornamento 14 agosto 2019

L'intossicazione alimentare non sembra essere la causa della morte del manager e dell'avvelenamento degli altri passeggeri a bordo della barca, ma, secondo il media croato Dnevnik.hr, si tratterebbe del monossido di carbonio proveninete dal motore della nave. Al momento le condizioni dei bambini sono stabili ma non sono ancora totalmente fuori pericolo di vita.

Un turista italiano, un manager siciliano, è morto oggi, 13 agosto, sulla costa adriatica croata, vicino a Lesina (Hvar), a bordo di una barca. Secondo quanto riportato dalla Polizia di Spalato, l'uomo è morto prima dell'arrivo dell'ambulanza. Altre quattro persone si sono sentite male, tra cui due bambini, e sono state trasportate in elicottero in un ospedale di Spalato. Si sospetta un'intossicazione alimentare.

Secondo quanto riportato dal media croato Index.hr, l'uomo deceduto e le quattro persone ricoverate in ospedale non hanno mangiato nulla a bordo. Sembra, invece, che la sera prima la famiglia abbia cenato in un noto ristorante di Hvar e che abbiano mangiato cozze ed altri molluschi.

I due adulti, fortunatamente, si stanno riprendendo e sono fuori pericolo. I due bambini, di età compresa tra gli 8 e i 14 anni, stanno ancora lottando per la vita.

Il primario Ledina ha specificato al media croato che, se si esclude un'intossicazione per via orale, allora potrebbe trattarsi di gas. I pazienti gli avrebbero infatti riferito di aver sentito odore di benzina. A sostenere questa tesi c'è anche il fatto che solo due porzioni di cozze sono state servite, mentre si sono ammalate cinque persone. "Non ho mai avuto a che fare con una reazione così intensa e veloce dell'organismo in tutta la mia carriera", ha concluso.

La Polizia ha avviato le indagini e solo nei prossimi giorni la questione potrà essere chiarita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • "Liberata dall'occupazione jugoslava nel '54", Jerry Scotti fa confusione sulla storia di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento