Vandali in viale del Cacciatore: prese di mira le auto con targa straniera

Nerea Zubin ha trovato ieri mattina la sua Renault Clio blu nelel condizioni visibili in foto (scattate da lei stessa): «Chiaro che è stato fatto apposta dato che all'interno della macchina non c'erano oggetti di valore e nulla è stato toccato». La studentessa ha sporto denuncia dai Carabinieri

Si tratterebbe dell'ennesimo episodio di una lunga serie di atti vandalici ai danni di auto con targa straniera, ma stavolta lo sfogo di una studentessa croata al Gazettino punta i riflettori su queste azioni: Nerea Zubin ha trovato ieri mattina la sua Renault Clio blu nelle condizioni visibili in foto. La vettura è stata bersaglio dei vandali nella serata di lunedì in viale del Cacciatore.

«Si vede benissimo che è stato usato uno strumento con la punta tonda, soprattutto dai danni riportati sul parabrezza, ed è chiaro che è stato fatto apposta dato che all'interno della macchina non c'erano oggetti di valore e nulla è stato toccato», ha dichiarato la ragazza al Gazzettino.

La studentessa ha sporto denuncia presso i Carabinieri di Guardiella e pensa che «la targa croata sia il movente dell'atto vandalico». Anche il coinquilino della ragazza e il suo ragazzo hanno subito in passato atti vandalici simili nella zona via Giulia - spiega ancora il Gazzettino -; al primo sono stati staccati i tergicristalli e colorata con un pennarello nero una fiancata della macchina, all'altro e' stata rubata la targa e anche in questo caso colorata la fiancata col pennarello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento