La mostra "#chisei?": riflessione sulla rappresentazione di se stessi

  • Dove
    Sala Arturo Fittke
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 25/05/2017 al 14/06/2017
    10 - 13 e 17 - 20
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Sarà inaugurata giovedì 25 maggio, alle ore 18.30, nella Sala Arturo Fittke di piazza Piccola 3, la mostra  “#Chi sei?”, organizzata dall'Associazione culturale 6idea, con il contributo del Comune di Trieste. La mostra dal titolo un po’ inquietante racchiude le opere di nove artisti che si interrogano in diverso modo sulla difficoltà odierna di conoscere se stessi e gli altri. “Chi sei ?”, “Chi vorresti essere?” è la domanda che ci si pone, una domanda necessaria in una realtà fattasi “ multimediale” in cui tutti vogliono apparire e distinguersi dando di sé una “rappresentazione” che a volte finisce per sovrapporsi alla propria, fino quasi a prenderne il posto.

Questa mostra, come altre precedenti allestite da 6idea, è un progetto condiviso e sviluppato in comune dal gruppo di artisti che collaborano da alcuni anni con l’associazione e viene proposta, principalmente, come uno spazio di libertà in cui sono la curiosità e la partecipazione interattiva del pubblico a scoprire e  condividere le riflessioni e le suggestioni suggerite dai lavori degli artisti. Una serie di quadri, pannelli ed assemblaggi con diversi materiali e tecniche ci invitano ad entrare in un ambiente  immaginario in cui riflettere su se stessi e sul senso del proprio comunicare.

Al centro della sala, le sagome, di Ilaria Zecchini, che riproducono in dimensione reale personaggi famosi , invitano il visitatore a cercare in modo divertente la propria identità  vestendone i panni. Lungo le pareti si susseguono le figure di donne semplici stilizzate ed espressive di Vivijana Kljun, i corpi senza il volto di donne, figure sfuggevoli ed eteree di Fulvia Dionis, la  sequenza fotografica di Elisabetta De Minicis che ci ricorda il lato spirituale di ciascuno di noi ed il pannello di Giuliana Polonio che, con uno sguardo sull’universo, ci fa riflettere sulla nostra  dimensione umana limitata. Si prosegue con la scultura in tessuto di Laila Grison, mani  che ci salutano nel linguaggio dei segni e del silenzio e con la scultura tecnologica di Giorgio Schumann che trasforma scarti di lavorazione ed oggetti obsoleti in poesia. La tecnologia è un tema anche di Luciana Costa che  trasforma nel suo pannello un’ecatombe di telefonini, come lei dice, in una tessitura artigianale per riportarci alla realtà fisica delle cose e di noi stessi ricordando a tutti noi le  conseguenze dell’uso indiscriminato dei cellulari. Completa la rassegna la lampada di Rosanna Palombit, fatta di particelle di vetro, componibile in diverse forme in continua trasformazione alla ricerca dell’essenzialità della luce. La mostra rimarrà aperta dal 26 maggio  e fino al 14 giugno 2017, con orario dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, ingresso libero.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Al via la mostra di Escher: 200 opere al Salone degli Incanti

    • dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020
    • Salone degli Incanti

I più visti

  • Al via la mostra di Escher: 200 opere al Salone degli Incanti

    • dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020
    • Salone degli Incanti
  • Muja Buskers Festival: gli artisti di strada nel segno di Leonardo (VIDEO)

    • dal 23 agosto 2019 al 25 agosto 2020
  • Barcolana, il mare in mostra in una collettiva alla Tribbio

    • dal 5 ottobre 2019 al 5 settembre 2020
  • Tornano i corsi di danza afro e doundoum dance: martedì open day

    • dal 10 settembre 2019 al 11 giugno 2020
    • Emme
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento