Gioventù Nazionale Trieste: «A Palermo contro tutte le mafie, ricordando Paolo Borsellino»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Quest'anno a differenza degli anni scorsi, dove puntualmente si ricorda a Muggia Eddie Walter Cosina caduto nella strage di via d'Amelio assieme al giudice Borsellino e agli uomini della sua scorta, i ragazzi di Gioventù nazionale Trieste, movimento giovanile di Fratelli d'Italia sono stati a Palermo a ricordare Paolo Borsellino che il 19 luglio morì per mano di un vile attentato mafioso.

«Ricordare l'amore per la Patria e il senso del dovere del giudice Borsellino rimane un esempio importante per le nuove generazioni, un esempio per ricordare ai ragazzi che bisogna lottare fino all'ultimo per difendere gli ideali di giustizia e libertà» , afferma Nicole Matteoni, dirigente nazionale di Gioventù Nazionale. A Palermo si è ritrovata la comunità militante nazionale, quasi un migliaio di giovani, insieme anche a Giorgia Meloni, presidente nazionale di Fratelli d'Italia, legati indissolubilmente ai valori di legalità e amore per la Patria.

Torna su
TriestePrima è in caricamento