Come ripristinare i fari dell'auto opacizzati? Ecco i nostri consigli

Oggi la maggior parte dei fari delle automobili sono realizzati con materiali che con il tempo tendono ad opacizzarsi e ad ingiallirsi a causa degli agenti atmosferici. Ciò rovina l'estetica dell'automobile, ma soprattutto, compromette la sicurezza alla guida. Ecco una guida per la loro manutenzione

Oggi la maggior parte dei fari delle automobili sono realizzati in policarbonato o plexiglass, materiali che ormai da molti anni hanno sostituito il vetro, ma che con il tempo tendono ad opacizzarsi e ad ingiallirsi a causa dell’esposizione alla luce solare e agli agenti atmosferici. Il problema dei fari auto opacizzati riguarda tutti i modelli di automobile. Infatti, l'esposizione al sole e agli agenti atmosferici, insieme all'utilizzo di prodotti aggressivi, può comportare questo fenomeno. Ciò accade soprattutto con i nuovi fari in policarbonato, esteticamente ricercati ma più delicati. Non bisogna dimenticare, inoltre, che i fari auto opachi non solo rovinano l'estetica dell'automobile, ma soprattutto, compromettono la sicurezza alla guida. Lucidare fari opachi, perciò, significa evitare che la luce venga filtrata dai fanali ingialliti. Per far tornare la nostra vettura come nuova non è, ovviamente, necessario sostituire i gruppi ottici, basta, infatti, una corretta operazione di pulizia che può essere eseguita dal nostro carrozziere se non siamo molto abili o non abbiamo tempo, con una spesa variabile in base al tipo al danno e al modello di fari, che si può aggirare intorno ai 50,00 euro per fanale. In alternativa, è possibile ricorrere al fai da te acquistando uno dei tanti kit dedicati disponibili in commercio. 

I kit di ripristino dei fanali

Sul mercato sono disponibili numerosi kit fai da te che consentono di far tornare come nuovi i fari auto ingialliti dallo smog, dagli agenti atmosferici e dal tempo. Sono kit che includono all’interno carte abrasive a grana molto fine per le diverse fasi di pulizia, da applicare ad una levigatrice, ad un avvitatore o ad un trapano. Inoltre, all'interno della confezione troviamo, di solito, anche il polish per la lucidatura finale e accessori come panni e nastri protettivi.  Quando si utilizzano questi kit è necessario seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dal produttore per ottenere risultati ottimali e non graffiare il faro. È, inoltre, importante lavare accuratamente i fanali prima di iniziare le operazioni di pulizia e proteggere con il nastro le superfici della carrozzeria vicino ai gruppi ottici. Durante la pulizia consigliamo di tenere umida l'area da levigare e non premere o insistere troppo sulla stessa zona per evitare graffi e danni. Una volta terminata la pulizia si può applicare anche della cera per auto per proteggere il faro dagli agenti atmosferici per alcune settimane.

Kit di ripristino dei fanali, i modelli più venduti sul web

Pulizia dei fari dell’auto opacizzati, usiamo il dentifricio

In caso di fari poco rovinati è, anche, possibile provare ad utilizzare il dentifricio prima di ricorrere ai kit descritti in precedenza. Basterà evitare dentifrici con un'eccessiva quantità di “microcristalli”, che potrebbero provocare graffi sulla superficie dei fari. Prima della pulizia, da eseguire con un panno morbido ed umido, vi consigliamo come in precedenza, di lavare accuratamente i fari.

Carrozzieri a Trieste

Nel caso in cui aveste qualche timore nel ricorrere al fai da te, ecco una lista di alcuni carrozzieri presenti in città a cui potervi rivolgere:

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento