Appalti a Km 0, Bertoli (Fi): «Facciamo lavorare le aziende del nostro territorio»

È quanto hanno proposto i consiglieri comunali Everest Bertoli e Manuela Declich di Pdl/Forza Italia nel corso di una conferenza stampa indetta in Comune

«Appalti a km 0 per favorire le imprese del territorio».

È quanto hanno proposto i consiglieri comunali Everest Bertoli e Manuela Declich di Pdl/Forza Italia che hanno proposto una mozione ad hoc nel corso di una conferenza stampa indetta in Comune ed intervistati da Enrico Scaramucci del Tg di TeleQuattro.

«Il tutto – continua Bertoli -  poi implicherebbe direttamente anche più posti di lavoro maggiore ricchezza».

Cambiare dunque il regolamento degli appalti del Comune di Trieste così da invertire il calo di imprese edili che negli ultimi quattro anni che sono scese da poco più di 500 e poco meno di 400, oltre il 20% in meno e con una perdita di 800 posti di lavoro.

«Con il settore edile in ginocchio non si può tergiversare – continua Bertoli – ecco perché abbiamo deciso di presentare una proposta concreta in soccorso del settore edile, delle piccole e micro imprese che non hanno accesso agli appalti comunali».

 «Le normative europee - conclude -  non pongono divieti su tale tema e  la stessa normativa italiana degli appalti pubblici si sta evolvendo e per gli appalti piccoli si può scegliere il parametro del Km 0, ovvero dare punteggi migliori a quelle aziende che hanno manodopera locale nonché la stessa sede in città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • Piacenza-Triestina 1 a 2 | Le pagelle: bum bum Maracchi, l'Unione espugna Piacenza

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Inseguiti a Rabuiese, gettano dal finestrino la marijuana: in manette tre giovani

Torna su
TriestePrima è in caricamento