I sindacati: "Emergenza nei luoghi di lavoro"

La sicurezza nei luoghi di lavoro è una responsabilità di tutti i soggetti coinvolti nelle attività produttive

«Esprimiamo la nostra vicinanza ai tre lavoratori ed alle loro famiglie, coinvolti nell'incidente ferroviario avvenuto a Trieste nella mattinata odierna» hanno dichiarato le organizzazioni Sindacali FILT CGIL - FIT CISL - UIL Trasporti - SML FAST Confsal del Friuli Venezia Giulia in una nota stampa.

«L'incidente ha coinvolto tre lavoratori di una ditta in appalto, incaricata da Rete Ferroviaria Italiana al ripristino della linea a singolo binario che collega la Stazione Trieste Campo Marzio alla stazione di Villa Opicina, da più di un anno chiusa alla circolazione ed in via di prossima riapertura»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Nell'attesa che gli organi competenti possano ricostruire con chiarezza la dinamica di quanto accaduto, ed individuare eventuali cause e responsabilità, tale incidente ci riporta ancora una volta all'emergenza della sicurezza nei luoghi di lavoro che, in questo periodo più che mai, è una responsabilità di tutti i soggetti coinvolti nelle attività produttive» concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento