Crociere, Serracchiani appoggia Franceschini: «Venezia satura, navi si spostino a Trieste»

Lo ha affermato Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia, commentando le parole del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini in merito all'opportunità che "il turismo delle grandi navi" utilizzi come hub il Porto Vecchio di Trieste

«Il ministro Franceschini ha formulato un'ipotesi fondata e ragionevole, che tiene conto delle esigenze di tutela ambientale di Venezia e anche della vocazione crocieristica di Trieste».

Lo ha affermato Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia, commentando le parole del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini in merito all'opportunità che "il turismo delle grandi navi" utilizzi come hub il Porto Vecchio di Trieste.

Per Serracchiani «va trovata una soluzione per le grandi navi di Venezia, dove c'è un'oggettiva saturazione, e questa soluzione potrebbe venire dallo scalo di Trieste. C'è molto spazio per collaborare e ogni opportunità dovrebbe essere esplorata con apertura».

«L'accelerazione data agli interventi ferroviari sulla tratta Venezia-Trieste - ha continuato Serracchiani - cambierà molto lo scenario della mobilità nell'Alto Adriatico, e dovrebbe spingere verso l'integrazione dei poli logistici e turistici, individuando il vantaggio rapppresentato dalla complementarietà dei ruoli. Trieste e Venezia, dove evidentemente le navi continueranno ad arrivare, possono essere un esempio virtuoso di questo tipo di integrazione», ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento