Demarchi (FI): «Io con Riccardi e Fedriga tra Trieste e Muggia»

La candidata di Forza Italia: «Ottima intesa sulle problematiche e potenzialità del territorio in questa squadra di più e meno giovani»

«In qualità di consigliere comunale e candidata consigliere regionale con Forza Italia, nella mattinata di ieri, attraverso un breve tour con le i-bike (bici elettriche), io e Massimiliano Fedriga abbiamo percorso le strade di Muggia per valutare concretamente quali risorse possano essere stanziate per incentivare il Turismo a Muggia». Giulia Demarchi, candidata con Forza Italia, presenta un "report" degli ultimi giorni di campagna elettorale: «Discussa la staticità del cantiere costiero Acquario e il disservizio causato da un Info - point turistico ancora inattivo, si è ravvista la necessità di intervenire concretamente in sede regionale per evitare che ulteriori danni siano fatti e ulteriori turisti attraversino il confine senza spendere un euro nel territorio. Ho esposto e fatto toccare con mano la seria problematica relativa alla gestione rifiuti nel comune di Muggia - prosegue Demarchi -, che mi ha visto prolifera in sede di consiglio comunale con numerose mozioni affinché il problema possa risolversi adeguatamente, così come la gestione migranti e relativo imminente sprar (accoglienza diffusa). In conclusione si è affrontata la tematica sulla percezione della sicurezza che in questo periodo ha vacillato a causa dei numerosi furti e su come le forze dell’ordine devono essere messe nella posizione di poter intervenire radicalmente».

Nel proseguo delle attività politiche «voglio sottolineare che il periodo primaverile nonchè la stagione estiva, che auspico porterà a un incremento dell’utenza nelle aree di costa, un argomento di rilievo sia quello riguardante la cura e la manutenzione del verde pubblico a ridosso delle arterie stradali e aree verdi - sottolinea la candidata forzista -. Infatti sono venuta ad approfondire, lo stato di manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade regionali e lo stato del cantiere della rotonda dell’Ospo in ingresso al Comune di Muggia e la situazione della segnaletica nella zona industriale di Trieste».

«È di rilievo sapere che numerose attività vogliono insediarsi nei comprensori industriali e perciò va data particolare attenzione al contesto urbano. Sul nostro territorio vantiamo infatti già della presenza di numerose grandi imprese nell’ambito della farmaceutica, ecologia e siderurgica, sedi di incontri proficui che ho organizzato la scorsa settimana insieme a Riccardo Riccardi, candidato vicepresidente in pectore della nostra Regione, e nella giornata di ieri con la Senatrice Annamaria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato. Parlando con le imprese triestine che si occupano della manutenzione e pulizia delle strade - aggiunge Giulia Demarchi - ci siamo confrontati e ragguagliati, assieme a Riccardi, sulle normative da attuare e quelle da rivedere. Queste aziende chiedono ai dirigenti pubblici e alla classe politica di trovare soluzioni rapide per avere una programmazione dei lavori circa gli sfalci d’erba, la pulizia e la manutenzione preventiva e il monitoraggio sulla consegna cantieri; affinché l’efficienza dell’intervento possa collimare con il risparmio collettivo e le imprese non restino bloccate nei meandri della burocrazia regionale. La mia volontà come Consigliera, è di monitorare ed efficientare l’operato della Regione e così come dei vari comuni ed enti implicati, per favorire la cura del territorio e risparmio collettivo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento