Disoccupazione, Gruppo Cittadini: «Stanziati 320mila euro per l'assistenza al ricollocamento»

La nuova scommessa del Gruppo Cittadini su un nuovo strumento per "guidare" le persone nelle azioni efficaci a ritrovare lavoro

«Tutti conosciamo il fenomeno della disoccupazione, di quella giovanile in particolare. È un problema reale che preoccupa l’intera nazione. Non tutti sanno invece che, paradossalmente, esiste una “domanda di lavoro” che non trova risposta; significa che ci sono imprese che ricercano particolari professionalità da assumere e non le trovano. Gli emendamenti che come Gruppo consiliare dei Cittadini abbiamo proposto al DDL 197 hanno l’obiettivo di intervenire e colmare, fin dove possibile, questo gap. Abbiamo proposto di operare in forte sinergia con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL) che sta sperimentando una nuova formula di assistenza intensiva alla ricerca di occupazione che si chiama “assegno di ricollocazione”». Sono le dichiarazioni del Gruppo cittadini in un comunicato stampa in cui spiegano il loro intervento e la loro nuova scommessa su un nuovo strumento per "guidare" le persone nelle azioni efficaci a ritrovare lavoro. Nella pratica «si tratta di un sostegno economico che il disoccupato può “spendere” tramite un centro pubblico per l’impiego (CPI) o un’agenzia del lavoro privata» e che fondamentalmente operano nel seguente modo:

- Individuazione dettagliata delle competenze;

-Informazioni qualificate sulle posizioni scoperte;

-Tutoraggio intensivo, orientamento e formazione mirata per offrire una professionalità aderente ai bisogni dell’impresa;

«La novità del provvedimento–spiegano– sta nel fatto che l’intermediario al quale il disoccupato si rivolge otterrà il pagamento della propria prestazione solo al raggiungimento dell’obiettivo; cioè all’avvenuta “ricollocazione” della persona disoccupata. È un modello operativo, questo, che innova profondamente i rapporti tra lavoratori disoccupati e soggetti intermediari introducendo modalità molto più professionalizzate, dinamiche e strettamente legate al raggiungimento di un risultato positivo per l’utente».

Le misure che l’emendamento proposto prevede sono due:

-Sostegno alla sperimentazione nazionale (che è rivolta ad una platea di circa 500 disoccupati nel FVG iscritti alla NASPI da almeno 4 mesi) con il rafforzamento dei Centri per l’Impiego regionali sia in termini di personale specializzato che di strutture informatiche, con uno stanziamento di 120 mila euro.

-Individuazione di un nuovo canale di finanziamento regionale pari a 200 mila euro per introdurre una misura analoga ma interamente regionale che allarga la platea a “tutti” i disoccupati (e quindi non solo a coloro i quali sono iscritti alla NASPI da 4 mesi).

Secondo il Gruppo Cittadini, in questo modo noi riteniamo di ottenere due obiettivi: da una parte perimentare modalità nuove e più efficaci per assistere i disoccupati nella ricerca del lavoro partecipando in modo attivo - con dei CPI regionali rafforzati - alla sfida lanciata a livello nazionale tramite il D.Lgs n.150/2015 di attuazione del jobs act. Dall'altra, aggiungere una modalità coerente alla prima ma declinata a livello regionale per allargare la platea dei beneficiari e intervenire anche su particolari situazioni di crisi riscontrabili nel nostro territorio.

«Riteniamo–concludono– che il provvedimento, approvato dall’Aula senza voti contrari, possa risultare efficace a raggiungere un obiettivo, la lotta alla disoccupazione, che tutti noi vogliamo affrontare con misure innovative e concrete».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • I metodi fai da te per pulire i tappeti in modo efficiente

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

Torna su
TriestePrima è in caricamento